L’applicazione Amplificatore che Google ha presentato qualche tempo fa è ora disponibile sul Play Store ed è compatibile con tutti i dispositivi su cui è installato il sistema operativo Android dalla versione 6.0 (Marshmallow) in poi. Per gli utenti non udenti resta sempre disponibile l’app Trascrizione Istantanea, che inserisce in tempo reale i sottotitoli nelle conversazioni.

Sembrava che sarebbe stato possibile usarla solo sugli smartphone con Android 9 Pie e successivi, ma evidentemente Google ha deciso di estendere il supporto anche ai dispositivi più “datati”. Per controllare la versione di Android installata sul proprio smartphone bisogna accedere al menu Impostazioni, selezionare la voce Sistema e quindi Info telefono.

Ricordiamo che Amplificatore è un’applicazione che facilita la comprensione delle conversazioni per le persone ipoudenti in ambienti rumorosi. Si comporta in maniera simile a un apparecchio acustico – anche se ovviamente non può essere considerato un sostituto – e funziona meglio in accoppiata con un paio di auricolari.

L’app è composta da diverse barre di scorrimento, che consentono di ridurre il suono ambientale aumentando i suoni più silenziosi come le voci per ottenere un’esperienza di ascolto migliore. La voce così sembrerà amplificata, permettendo una maggiore comprensione. Potrebbe non funzionare in situazioni molto rumorose, come i concerti, ma in generale è una soluzione valida per gli utenti con disturbi dell’udito. Amplificatore, infatti, “pulisce” il suono rendendolo più chiaro e più facile da ascoltare.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Occhio alla versione gratuita di FaceApp Pro: è una truffa

prev
Articolo Successivo

Hydrogen Two, lo smartphone con display olografico prodotto da RED

next