È finita in una rissa tra genitori la lite di alcuni bambini per l’altalena: il padre di uno è stato infatti pestato a sangue dai genitori degli altri tre, riportando varie ferite e un trauma cranico. È successo venerdì 9 agosto a Carcare, nella provincia di Savona: le famiglie coinvolte sono tutte di origini albanesi. Tutto è iniziato con una lite tra bambini che si è trasformata in un’accesa discussione tra i genitori, conclusasi con un botta e risposta tra l’uomo che è stato poi picchiato e la moglie di uno dei 3 aggressori, residenti a Cairo Montenotte, nel savonese. Il 10 agosto, all’indomani della lite, i tre uomini hanno trovato il rivale in un bar e così uno di loro lo ha aggredito alle spalle ma è stato sopraffatto. A quel punto gli altri due sono intervenuti colpendolo con calci e pugni, e poi sono scappati. La vittima è stata portata all’ospedale con varie ferite, un trauma cranico e il setto nasale fratturato. Guarirà in 30 giorni.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Meteo, è la domenica più calda dell’anno: 8 le città da bollino rosso. Coldiretti: “La terza estate più torrida dal 1800”

next
Articolo Successivo

Migranti, decimo giorno a bordo della Open Arms: situazione medica critica. E intanto la Ocean Viking continua a salvare: sono in 250

next