Quasi 700 arresti. È il risultato del più grande raid contro l’immigrazione clandestina compiuto negli ultimi dieci anni negli Stati Uniti. Gli agenti dell’Immigration and Customs Enforcement, l’Agenzia federale per il contrasto all’immigrazione clandestina, si sono presentati per la maxi-operazione in alcune fabbriche in Mississipi.

Le 680 persone arrestate sono per lo più ispanici, molti dei quali trovati in alcuni impianti per la lavorazione del pollame e di prodotti agroalimentari. Tra questi c’è quello di Koch Food a Morton, dove i lavoratori fermati sono stati caricati su tre autobus e trasportati in un hangar militare per i controlli.

Al blitz hanno partecipato circa 600 agenti che hanno sigillato il perimetro dell’area dove si trovano gli impianti. L’imponente operazione era stata pianificata da mesi ma è scattata proprio mentre il presidente Donald Trump si recava a El Paso a portare il proprio sostegno alla popolazione colpita dall’attacco di sabato.

Il tycoon è stato accolto da alcuni contestatori al suo arrivo da Dayton, in Ohio: “Le tue parole hanno conseguenze”, si legge su uno dei cartelli dei manifestanti. Come già accaduto in Ohio, altro luogo di una delle stragi di sabato, il presidente vedrà soccorritori e feriti.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Kashmir, caos e proteste nelle strade: morto un manifestante, centinaia di arresti. Il Pakistan taglia i rapporti con l’India

prev
Articolo Successivo

Turchia, tra le file delle milizie alleate c’è l’ombra di Isis: “Ecco la lista con 43 nomi, Ankara li usa per i propri scopi”

next