Esplosioni a catena e fiamme in un deposito di armi del ministero della difesa russo ad Achinsk, in Siberia, nella regione di Krasnoyask già pesantemente investita dagli incendi. Il disastro potrebbe essere stato provocato da “un errore umano”, ha spiegato il vice ministro della difesa Dmitry Bulgakov, anticipando che il deposito verrà chiuso definitivamente. Il governatore Aleksandr Uss ha reso noto che una persona è dispersa e sei sono state ricoverate in ospedale. Altre sei persone sono state dimesse dopo aver ricevuto assistenza medica. Il sindaco Ilai Akhmetov ha chiesto ai 16mila residenti evacuati ieri di non ritornare alle loro case perché “rimane il pericolo di altre esplosioni”. La fabbrica di Achinsk della Rusal, la maggior produttrice di ossido di alluminio in Russia, ha sospeso le operazioni mentre la raffineria della Rosneft, a 30 chilometri dal deposito, non ha interrotto le operazioni

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire, se vuole continuare ad avere un'informazione di qualità. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Fumo a bordo, atterraggio da brividi a Valencia per il volo della British Airways: passeggeri evacuati

next
Articolo Successivo

Dengue, dopo il Bangladesh è allarme anche nelle Filippine: “I morti sono 622”

next