“Un’ora alla settimana non basta, ma è meglio di niente”. “Se ben fatta, può contribuire a dare ai ragazzi il senso di appartenenza a una comunità”. “La responsabilità è prima di tutto dei genitori, la scuola non può sostituire la famiglia”. La decisione di introdurre l’insegnamento dell’educazione civica a scuola (in attesa di approvazione definitiva), nel dialogo con i cittadini in strada, richiama l’attenzione sulla necessità di formare cittadini responsabili e consapevoli. “È il vero problema del nostro paese, a buona parte degli italiani adulti mancano le basi culturali della cittadinanza“. Un breve test in strada sembra confermarlo.

Da cosa cominciare per essere concreti e attuali? “Dall’insegnamento della Costituzione“, dicono alcuni. “Dai fondamentali del senso civico, per esempio il rispetto della legalità e dell’ambiente”, aggiungono altri. Ma è l’intero modello educativo che dovrebbe essere ripensato: “Difficile trasmettere valori positivi a scuola in una società dominata dall’individualismo”. E voi che ne dite?

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

“Noi, nonni di bimbi disabili, abbiamo bisogno di condividere le nostre emozioni. Qui possiamo farlo”

next
Articolo Successivo

Cosa dicono di noi i nostri desideri?

next