Il governo indiano ha annunciato la revoca dell’autonomia costituzionale del Kashmir. Una decisione potenzialmente esplosiva per la travagliata regione dell’Himalaya in mezzo a un’insurrezione separatista e rivendicata anche dal Pakistan. L’annuncio è stato fatto dal ministro degli Interni Amith Shah che ha letto al Parlamento l’ordine sottoscritto dal presidente indiano Modi: il provvedimento cancella l’articolo 370 della Costituzione che nel 1947 aveva concesso allo stato lo statuto speciale, e divide in due il territorio separando l’area del Ladak, trasformata in una Unione Territoriale. Il partito nazionalista indù al potere Bharatiya Janata Party si è da sempre opposto allo status speciale e la cancellazione dell’articolo ha fatto parte della sua campagna elettorale.

La decisione ha scatenato forti proteste in Parlamento da parte delle opposizioni, che parlano di colpo di Stato, e ha messo in allarme l’intera India e la comunità internazionale per l’instabilità che ne conseguirà nell’area: il presidente della parte pachistana dello stato, Sardar Masood Khan, ha affermato che “una situazione del genere” potrebbe “portare alla guerra” tra India e Pakistan.

Secondo il ministro degli Esteri del Pakistan Shah Mahmood Qureshi, la decisione di revocare lo status speciale viola la risoluzione dell’Onu: “Il Jamnu e Kashmir occupato dall’India – si legge in un comunicato – è un territorio conteso, riconosciuto come tale dalla comunità internazionale. Nessun passo unilaterale del governo indiano può cambiare lo status, così come la popolazione della regione non accetterà mai un tale cambiamento. Il Pakistan ribadisce il suo impegno vincolante alla causa del Kashmir e il suo sostegno politico, diplomatico e morale per la popolazione del Jamnu e Kashmir occupato e per l’attuazione del loro inalienabile diritto all’autodeterminazione“.

Il governo è arrivato alla comunicazione con una escalation di scelte che avevano fatto scattare l’allarme in Kashmir. La settimana scorsa 50mila nuovi uomini delle forze speciali sono stati inviati nello Stato, in aggiunta ai 600mila già presenti. Nel fine settimana i ventimila turisti presenti nell’area sono stati fatti evacuare urgentemente. Ieri sera i leader dei partiti democratici del Kashmir, tra cui Mehbooba Mufti e Farooq Abdullah, erano stati messi agli arresti domiciliari, mentre tutte le comunicazioni mobili, Internet e le televisioni via cavo venivano sospese. A mezzanotte, infine, era stato decretato il coprifuoco, a tempo indeterminato.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Usa, nel filmato della videosorveglianza il momento in cui la polizia uccide il killer di Dayton

prev
Articolo Successivo

Libia, media: “Raid aereo di Haftar, colpito un ricevimento di nozze. Almeno 43 morti”. Lna smentisce: “Non abbiamo mirato ai civili”

next