Da quasi 10 anni intascava la pensione di invalidità e l’indennità di accompagnamento perché riconosciuto cieco assoluto ma guidava l’auto, passeggiava per strada senza ausili, sceglieva prodotti sugli scaffali e consultava la rubrica sul proprio smartphone. Un 48enne di Catanzaro è stato denunciato per truffa aggravata per il conseguimento di erogazioni pubbliche.

I carabinieri sono riusciti a identificare il finto cieco, riuscendo a fargli firmare un verbale di contestazione, durante un controllo alla circolazione stradale malgrado l’uomo abbia tentato di fornire false generalità. Al 48enne è stato bloccato il libretto di risparmio postale sul quale veniva accreditata la pensione e, contestualmente, è stato eseguito nei suoi confronti un decreto di sequestro preventivo finalizzato alla confisca anche per equivalente. Il provvedimento riguarda beni mobili e immobili per circa 98mila euro.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Strage di Bologna, famigliari delle vittime: “Adesso c’è la volontà di arrivare ai mandanti”. Mattarella: “Restano zone d’ombra”

prev
Articolo Successivo

Sicurezza sulle strade, il camionista mostra il tachigrafo: “Modalità ‘pausa’ anche quando si lavora, è un’irregolarità”

next