Decine di garimpeiros stanno invadendo terre indigene e uccidendo gli indios. Il popolo Wajapi sta chiedendo aiuto a tutto il mondo, hanno cercato di coinvolgere anche attori e artisti e personaggi come Caetano Veloso, che stanno lanciando appelli da ogni dove. I Wajapi hanno informato l’esercito e la polizia federale.

È un’occasione per il governo di Jair Bolsonaro, che può dimostrare di avere la sensibilità per difendere le terre indigene, poiché paradossalmente le terre amazzoniche dei Wajapi sono a rischio da quando un decreto del precedente presidente Michel Temer ha estinto il Renca, la Reserva Nacional do Cobre e Associados. L’idea era quella di attrarre aziende minerarie nella foresta tra gli stati di Parà e Amapà. Il fatto è che si tratta di terre preziosissime dal punto di vista ambientale, umanistico e antropologico, uno degli ultimi baluardi della foresta amazzonica.

Sono già stati uccisi due capi dalla furia dei garimpeiros: il rischio è di un genocidio totale e la distruzione della foresta amazzonica. Tutti i governi dovrebbero fare pressioni sul governo brasiliano affinché intervenga a controllare la situazione, che potrebbe rivelarsi anche una macchia sulla presente gestione del paese.

Le industrie minerarie sono una minaccia serissima per la preservazione dell’ambiente e la salvaguardia dei diritti umani. La situazione è molto grave. Dopo l’assassinio del capo Emyra Wajapi, di 68 anni, mercoledì scorso, la polizia è sul posto per accertamenti. Le informazioni giungono dall’attivista Marina Amapari, che si trova nel territorio Wajapi. Il Funai, insieme alla polizia federale, sta monitorando la situazione.

Emyra Wajapi è stato accoltellato nella foresta e gettato nel fiume: il corpo è stato ritrovato da sua moglie. I 50 garimpeiros stanno attaccando i villaggi di notte seminando terrore e morte, sparando all’impazzata. Ancora un episodio tetro nella progressiva, inarrestabile distruzione dell’inestimabile patrimonio amazzonico.

Il Fatto Internazionale - Le notizie internazionali dalle principali capitali e il dossier di Mediapart

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Usa, dibattito democratici in tv: dalla sanità all’immigrazione, il partito è diviso tra progressisti e moderati

next
Articolo Successivo

“Morto Hamza bin Laden”, dicono media Usa. Il Principe del Terrore cresciuto in al-Qaeda con taglia da un milione di dollari sulla testa

next