Dopo la grande delusione per molti militanti No Tav che avevano creduto nella possibilità di un appoggio da parte del Movimento 5 Stelle in Parlamento, oggi pomeriggio al Festival Alta Felicità di Venaus si è tenuta la tavola rotonda sulle “prospettive di lotta” del movimento che da 30 anni contrasta il progetto Tav in Val Susa. “Non ci sono mai stati Governi amici, ma è innegabile che la tentazione della delega è stata forte per una parte del Movimento No Tav – condivide la maggior parte degli intervenuti – ora è arrivato il momento di tornare uniti a contrastare con azioni dirette nonviolente come abbiamo sempre fatto quest’opera inutile e dannosa”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Carabiniere ucciso a Roma, Conte alla camera ardente: “Ora commozione, dopo valutazioni”

next
Articolo Successivo

No Tav, Travaglio: “Partito degli affari condiziona a tutti i livelli ma secondo me nel 2030 non vedremo nessun buco nella montagna”

next