Dopo la grande delusione per molti militanti No Tav che avevano creduto nella possibilità di un appoggio da parte del Movimento 5 Stelle in Parlamento, oggi pomeriggio al Festival Alta Felicità di Venaus si è tenuta la tavola rotonda sulle “prospettive di lotta” del movimento che da 30 anni contrasta il progetto Tav in Val Susa. “Non ci sono mai stati Governi amici, ma è innegabile che la tentazione della delega è stata forte per una parte del Movimento No Tav – condivide la maggior parte degli intervenuti – ora è arrivato il momento di tornare uniti a contrastare con azioni dirette nonviolente come abbiamo sempre fatto quest’opera inutile e dannosa”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Carabiniere ucciso a Roma, Conte alla camera ardente: “Ora commozione, dopo valutazioni”

next
Articolo Successivo

No Tav, Travaglio: “Partito degli affari condiziona a tutti i livelli ma secondo me nel 2030 non vedremo nessun buco nella montagna”

next