L’1 e il 2 agosto potrebbero esserci problemi con i prelievi agli sportelli Bancomat e nelle filiali delle banche a causa dello sciopero nazionale proclamato dai portavalori per chiedere il rinnovo del contratto fermo dal 2015. I principali istituti di credito, come Intesa Sanpaolo, stanno già avvisando i loro clienti via mail e con dei cartelli, allertandoli del fatto che in quei due giorni potrebbero esserci disagi e difficoltà con il prelievo dei contanti, mentre Poste Italiane non ha ancora diramato nessuna comunicazione. I problemi maggiori potrebbero riguardare i pensionati ai quali viene accreditata la pensione al primo del mese, ma anche tutti i correntisti che si trovano in zone dove i pagamenti con bancomat e carte di credito sono più difficoltosi.

Lo sciopero era stato annunciato già a inizio luglio ed è stato indetto dai sindacati di categoria Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl e Uiltucs per sollecitare temi come il miglioramento del salario, bilateralità, cambio di appalto, contrattazione di secondo livello, sicurezza e salute. Saranno coinvolti 70 mila addetti della vigilanza privata e dei servizi fiduciari, in attesa del nuovo contratto nazionale fermo ormai da 3 anni e mezzo per i 10mila i lavoratori del comparto.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Manovra, Conte incontra le parti sociali: “Cominciano i lavori”. M5s propone taglio del cuneo fiscale di 4 miliardi. Lega: “Non basta”

prev
Articolo Successivo

Banche, in Germania sempre più istituti chiedono ai clienti di pagare per tenere i soldi sul conto corrente

next