La Lega lancia sondaggi sul caso, Matteo Salvini e Giorgia Meloni parlano di “un’unica vittima”, Mario Cerciello Rega, il carabiniere assassinato a Roma. Così la foto dello studente americano bendato nella caserma di via Selci, poco dopo essere stato prelevato dall’hotel perché sospettato dell’omicidio del vice-brigadiere, provoca la reazione delle opposizioni. Anche quella dell’ex presidente del Senato, Pietro Grasso, senatore di Leu.

Ricordando che quello scatto poi diffuso nelle chat di Whatsapp dei carabinieri potrebbe essere “la prova di almeno un paio di reati” oltre che “una buona arma in mano agli avvocati difensori” di Christian Gabriel Natale Hjort, l’ex procuratore nazionale Antimafia racconta: “Quando arrestammo Bernardo Provenzano, o quando interrogai Giovanni Brusca, mi trovai davanti uomini che avevano commesso le stragi, fatto uccidere colleghi e amici, progettato il mio omicidio e il rapimento di mio figlio. Potete immaginare il mio stato d’animo. Ho sempre avuto chiaro però quale fosse il mio ruolo: quello di rappresentante dello Stato”

Quindi, ricorda, a Provenzano “la prima cosa che chiesi fu: “Ha bisogno di qualcosa?”; rispose che aveva bisogno di un’iniezione per curare la sua malattia, e rapidamente trovammo il modo di fargliela”. In questo modo, spiega, “gli dimostrammo la differenza tra noi e loro: non ci si abbassa mai al livello dei criminali che si combattono, non ci sono e non devono esserci eccezioni. Questo significa essere uomini e donne al servizio dello Stato”.

“Penso che la foto di cui tutti parlano, e che ovviamente mi guardo bene dal pubblicare – continua – sia la prova di almeno un paio di reati, e probabilmente una buona arma in mano agli avvocati difensori dell’assassino. È una foto che mi fa male perché quel comportamento infanga il lavoro di migliaia di carabinieri. Chi rappresenta lo Stato non deve fare queste cose”. E “chi fa il ministro, aggiunge, “non deve giustificarle, come hanno fatto Centinaio e Salvini”. Chi – come la Lega – lancia un sondaggio su Facebook per “aizzare gli istinti più bassi dei cittadini non ha alcun senso dello Stato. È pericoloso, sbagliato, e fa male al nostro Paese. Non posso nascondere di essere davvero preoccupato”, conclude Grasso.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Roma, politica litiga su foto dell’americano bendato. Salvini: ‘L’unica vittima è il carabiniere’. Pd: ‘Lega fomenta rabbia e odio’

next
Articolo Successivo

Farnesina, le strane ‘missioni’ degli impiegati a contratto: in Sri Lanka 10 ore sul bus con l’urna di un italiano sulle ginocchia

next