“Sono 30 anni che vediamo le loro prepotenze e lottiamo per il nostro territorio. La nostra determinazione è serena e dignitosa di questo mondo di giovani e meno giovani che è in movimento su questi sentieri che sono i luoghi della nostra vita e degli animali di questi posti”, dice Nicoletta Dosio, storica attivista No Tav e candidata di Potere al popolo alle ultime politiche, dopo aver violato la zona rossa nel giorno del corteo che ha quasi raggiunto il cantiere di Chiomonte. “La violenza? Noi l’abbiamo sempre trovata dall’altra parte, con persone della mia età denunciate e manganellate – aggiunge – Noi ci difendiamo e resistiamo. La resistenza contro un potere ingiusto non è solo un diritto ma un dovere di tutti. E noi lo pratichiamo”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, accessibile a tutti.
Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte con idee, testimonianze e partecipazione.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Tav, troncone del corteo rompe i cancelli del cantiere di Chiomonte. “Non ci sono governi amici”

next
Articolo Successivo

Carabiniere ucciso a Roma – L’ipotesi maghrebini nata da un depistaggio e la pattuglia in appoggio che non c’era

next