“La chiusura di Linate è qualcosa di epocale, il traffico è cresciuto, è un’operazione complessa e difficile. Malpensa ha le dimensioni per accogliere il traffico di Linate e poi onestamente non c’era scelta: questo è un intervento per ragioni di sicurezza, non c’erano alternative. Rifaremo completamente la pista, introdurremo macchine di ultimissima generazione nel sistema di smistamento bagagli. C’è stato uno spirito di collaborazione interistituzionale e con i nostri partner privati fenomenale, senza il quale questa operazione non sarebbe stata possibile. Scelta dei mesi estivi? Le piste si rifanno d’estate perché il terreno deve asciugare immediatamente, inoltre ad agosto il traffico a Linate cala. I lavori che riguardano la sicurezza finiranno entro i tre mesi, gli altri, che riguardano la riqualifica del terminal, continueranno fino al 2021″. Così l’amministratore delegato Sea Armando Brunini, intervenuto all’aeroporto di Linate poche ore prima della chiusura.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Diciotto mesi per un cuore, bimbo di 3 anni salvato grazie al trapianto

prev
Articolo Successivo

L’ultima notte di Linate, bus e attrezzature traslocano a Malpensa per tre mesi

next