Dimentichiamo per un attimo il doveroso monitoraggio di quelli potenzialmente pericolosi e ammiriamo lo spettacolo che può regalare un asteroide. Uno di dimensioni piccole è esploso sul Canada, a 29 chilometri di altezza, generando un bagliore brillante come la Luna piena e spargendo meteoriti nella campagna vicino a Bancroft, Ontario. Il corpo celeste aveva il diametro di 30 centimetri e viaggiava alla velocità di 72.000 chilometri orari quando ha colpito l’atmosfera. L’evento è stato ripreso in diretta da una serie di telecamere dell’Università dell’Ontario Occidentale. Secondo la Nasa, l’orbita del piccolo asteroide indica che proveniva dalla cintura di asteroidi, l’entità dell’esplosione, invece, ha permesso di calcolare il diametro dell’oggetto celeste.

“Questa meteora è entrata molto in profondità nell’atmosfera” rileva Peter Brown, dell’università dell’Ontario Occidentale. Di conseguenza, aggiunge, “pensiamo che probabilmente ci siano rocce sul terreno. Ci piacerebbe che le persone uscissero e magari trovassero alcuni di questi meteoriti” che, aggiunge, “sono di grande interesse per i ricercatori in quanto studiarli ci aiuta a comprendere la formazione e l’evoluzione del sistema solare“. L’esperto spiega anche come riconoscerli: i meteoriti sono molto scuri e spesso hanno i bordi smerlati. Di solito sono più densi di una roccia terrestre e spesso vengono attratti da una calamita, perché contengono molto ferro. Se si recupera uno di questi frammenti, avverte Brown, è meglio metterli in un sacchetto di plastica pulito o avvolgerli in un foglio di alluminio per cercare di contaminarli il meno possibile, in modo da preservare le informazioni scientifiche che contengono.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Cancro, scoperte le “cellule” soldato: “Un passo avanti per il trattamento dei sarcomi”

prev
Articolo Successivo

Peste suina africana, è epidemia. I rischi per l’uomo e il vaccino che non c’è

next