Ha minacciato un attentato a Roma, ma in realtà non si trova in Italia. L‘allerta diramata venerdì dalla Questura della Capitale è già rientrata dopo gli accertamenti svolti dall’Antiterrorismo della polizia: come fanno sapere fonti del Dipartimento di pubblica sicurezza, il presunto attentatore è stato localizzato in Germania. Si tratta di un cittadino siriano di 27 anni che ora risulta ricercato: il suo nome è stato segnalato da un’intelligence straniera, nell’ambito degli scambi di informazioni tra paesi alleati, dopo che, come ha anticipato il Corriere della Sera, è stato intercettato mentre diceva: “Domani a Roma andrò in paradiso“.

Dopo la segnalazione degli 007 – finita sul tavolo del Casa, il Comitato di analisi strategica antiterrorismo, per un’analisi più approfondita – la Questura ha inviato venerdì a tutti i reparti una “segnalazione urgentissima di rintraccio” di un soggetto con due diverse identità. “Da accertamenti fatti nell’immediatezza è emerso che lo stesso si è registrato nel social network Facebook” con una delle due identità. “In caso di rintraccio del soggetto”, la Questura ha invitato gli agenti a “prestare la massima attenzione e procedere al controllo” contattando immediatamente la Digos.

L’allarme è rientrato dopo i controlli incrociati eseguiti dalla polizia con i massimi vertici dell’antiterrorismo europeo che hanno escluso la presenza in Italia del presunto terrorista. Un’ulteriore conferma, rivela l’Adnkronos, è arrivata alle agenzie di intelligence italiane dal servizio segreto tedesco interno denominato Bfv, poiché gli ultimi contatti su Facebook il siriano li avrebbe avuti proprio dalla Germania.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Gianluca Savoini, al tavolo sovranista Usa-Russia del 2017 con Foa e Valditara: tra i big del futuro sistema di potere leghista

prev
Articolo Successivo

Ebola, i casi in Congo preoccupano l’Italia. Stretta sui controlli sanitari all’aeroporto di Fiumicino

next