Da settembre saranno 1.600 – su 2.800 lavoratori totali – gli esuberi nella sede palermitana di Almaviva. Ad annunciarlo è stato il gruppo dei call center, che ha comunicato ai sindacati i dati economici relativi al primo semestre del 2019 della sede del capoluogo siciliano: 5,7 milioni di euro di perdita. Tranne alcuni aumenti temporanei che riguarderanno esclusivamente i mesi di luglio e agosto, i committenti non hanno proposto nessun incremento di volumi utile a consolidare l’occupazione nel sito palermitano. Anzi, in prospettiva, l’azienda ha confermato l’apertura della procedura di mobilità a partire dalla prima decade di settembre e ha annunciato l’aumento degli esuberi di altre 300 unità, fino a raggiungere il numero di 1.600 operatori nel sito palermitano. A Natale del 2016 il gruppo aveva chiuso la sede di Roma lasciando a casa 1.666 persone. 

Dopo l’annuncio i lavoratori, nella mattina di giovedì, sono tornati in piazza per opporsi alla prospettiva di licenziamento: si sono riuniti in un presidio, organizzato da Slc Cgil, Fistel Cil, Uilcom e Ugl in contemporanea col tavolo convocato al Mise sui call center, davanti alla sede della Prefettura di Palermo. I sindacati chiedono un tavolo istituzionale con il presidente della Regione Nello Musumeci e con il sindaco Leoluca Orlando per definire soluzioni in grado di scongiurare i licenziamenti: “Non si intravede ancora nessuna soluzione per risolvere il dramma dei 1600 esuberi annunciati da Almaviva – dice il segretario generale Slc Cgil Palermo, Maurizio Rosso -. Quelle indicate dalla Slc Cgil, la lotta alle delocalizzazioni, la certezza dei contratti e il fondo strutturale, sono le uniche azioni per poter risolvere i problemi di questo settore e soprattutto di Almaviva”.

Sugli esuberi si è mosso il consiglio comunale di Palermo, che ha approvato un ordine del giorno: “Il consiglio comunale di Palermo – ha annunciato Dario Chinnici, capogruppo del Pd – ha approvato oggi un ordine del giorno che impegna l’amministrazione attiva a continuare la battaglia per salvare i lavoratori di Almaviva: oltre 1.600 famiglie che da anni vivono una situazione di incertezza a causa di un mercato globale senza regole e che penalizza sempre di più l’Italia. Il Partito Democratico oggi ha partecipato al sit-in in prefettura e resta al fianco di questi lavoratori che hanno diritto a risposte certe”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Lamborghini, nel nuovo contratto aziendale più premi economici, permessi per i genitori e norme contro sessismo e omofobia

next
Articolo Successivo

Bonus Sud, Inps: “Incentivo in vigore per le assunzioni fatte dall’1 gennaio 2019”

next