“E’ stato chiesto anche a me di riferire e io riferisco perché quando le forze parlamentari chiamavano il governo risponde. Io ho una concezione sacrale del parlamento e delle istituzioni”. Così il presidente del Consiglio Giuseppe Conte arrivando ad un evento di Confagricoltura a Roma chiarisce perché sarà lui a riferire al Parlamento sul Russiagate. “Il giorno 24 luglio ci sarà un’informativa”. Ma è grave che invece il ministro Salvini si sottragga alla stessa richiesta rivolta al Presidente del Consiglio da parte delle opposizioni, bollando la vicenda come ‘fantasie’? “Io sono il presidente del Consiglio e sono la massima autorità di governo” taglia corto Conte.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Migranti, Bizzotto (Lega) contro Sassoli: “Lui e i suoi amici catto-comunisti si portino clandestini nelle loro ville”

next
Articolo Successivo

Torino, Appendino perde un’altra consigliera. Domani riunione di maggioranza, lunedì in Aula la “conta”

next