Il pene, come la clitoride, è formato dal glande, dal corpo/asta (con due corpi cavernosi e un corpo spugnoso) e dalle radici. Con l’erezione aumenta di dimensioni (per l’aumentato afflusso di sangue dovuto all’eccitazione sessuale) e di consistenza (grazie alla rigidità dei due corpi cavernosi). Il corpo spugnoso dell’uretra e il glande hanno un minore aumento della consistenza (non sono rigidi) per evitare la compressione dell’uretra.

L’orgasmo è la sensazione di massimo piacere scatenata, in tutti gli esseri umani, dalla stimolazione continua dei recettori nervosi presenti nel pene e nella clitoride: i corpuscoli di Krause-Finger o “della voluttà”, molto sensibili. Sono numerosi soprattutto nel glande (zona erogena primaria) e nel frenulo del prepuzio. Corpuscoli genitali sono presenti anche nell’uretra, e nelle donne anche nelle piccole labbra e vestibolo.

Pene e clitoride nell’embrione si formano entrambi dal phallus, hanno la stessa innervazione, ma nella donna, per le dimensioni più piccole della clitoride, i recettori sono più concentrati rispetto al glande maschile e non necessitano come in quest’ultimo di superficializzarsi tramite l’erezione per porsi in uno stato di eccitabilità ottimale per rispondere agli stimoli meccanici.

L’erezione del pene è un fenomeno riflesso, involontario, che permette la penetrazione in vagina, l’orgasmo e l’eiaculazione. Dopo l’orgasmo il pene ritorna flaccido, per avere un’altra erezione/eiaculazione ci vuole del tempo, la durata di questo periodo refrattario è variabile da uomo a uomo e si allunga dopo l’adolescenza (ma si può ridurre con gli esercizi di Kegel).

Negli uomini la capacità mentale di eccitarsi diminuisce con l’età (e con l’abuso di pornografia); col passare degli anni è necessaria sempre più la stimolazione diretta, manuale/orale, del pene per avere l’erezione. Questo però non significa assenza del desiderio/eccitazione.

Orgasmo ed eiaculazione (“emissione” nelle donne) non sono la stessa cosa: l’intensità dell’orgasmo non è correlata con la quantità di liquido espulso. Nell’uomo ci sono due fasi: nella prima, l’emissione (presente anche nelle donne), si ha la contrazione della prostata e delle vescichette seminali, con la sensazione di massimo piacere e dell’inevitabilità della eiaculazione (si può imparare a riconoscere in anticipo questo punto di inevitabilità, fermare i movimenti/stimolazione del pene e quindi ritardare l’eiaculazione); nella seconda fase (che nelle donne è assente) si hanno le contrazioni muscolari che permettono l’espulsione all’esterno dello sperma. L’assenza della fase eiaculatoria/espulsiva spiega perché le donne non hanno un periodo refrattario e sono capaci di provare, a qualsiasi età, con una stimolazione efficace/continua degli organi erettili, orgasmi multipli.

L’intensità dell’orgasmo maschile dipende dal tempo che è passato dalla precedente eiaculazione: in genere più tempo è passato più l’uomo prova piacere, perché i recettori del glande diventano più sensibili. Se nello stesso giorno si vogliono ottenere più eiaculazioni, il primo orgasmo sarà molto intenso e rapido (l’eiaculazione precoce non è una malattia), mentre la successiva erezione durerà di più e ci vorrà più tempo per arrivare all’eiaculazione.

All’aumento dell’età la quantità del liquido seminale espulso con l’orgasmo può diminuire e uscire con meno forza o senza schizzare; i maschi devono sapere che con gli esercizi di Kegel si può prevenire, o rimandare, anche questa riduzione della forza espulsiva dello sperma. Un ragazzo/uomo “molto eccitato”, per il forte desiderio che gli suscita la partner, non deve per forza avere un orgasmo. Non è vero che staranno male se non eiaculano. Inoltre, l’eiaculazione maschile non è obbligatoria se lui è eccitato (invece le donne sono abituate da secoli ad essere eccitate e poi ad accettare di non avere l’orgasmo senza “protestare”).

Anche le donne devono imparare l’arte di fare l’amore (che spiego nelle mie lezioni) per fare godere di più il partner, e sapere che anche l’intensità dell’orgasmo maschile può variare: nel rapporto vaginale la stimolazione del glande del pene è inferiore rispetto alla stimolazione con le mani e la bocca. La fellatio può provocare negli uomini orgasmi molto intensi e prolungati (soprattutto se la donna “stimola” anche l’uretra maschile), ma del sesso orale (e anale) parlerò in un altro post.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Il lesbo-chic piace ancora? Io dico di sì

next