E’ morto a Roma l’ex ministro e docente di diritto tributario Augusto Fantozzi. Il professore romano aveva 79 anni ed è stato a lungo  ordinario di diritto tributario, suoi sono alcuni dei testi ancora attualmente in uso nelle università per lo studio delle materie fiscali. Ha ricoperto anche numerosi incarichi di carattere politico: è stato ministro, deputato e presidente della commissione bilancio della Camera. Da ultimo, nel 2008, è stato commissario straordinario di Alitalia su incarico del governo Berlusconi.

Laureato in giurisprudenza, Fantozzi è stato docente universitario di diritto tributario all’Università di Perugia nel 1971, e poi alla Sapienza di Roma e alla Luiss. Avvocato cassazionista è stato membro della consulta della Città del Vaticano e presidente del comitato permanente dell’International Fiscal Association, ruolo che ha ricoperto fino al 1995. E’ stato anche rettore dell’università Giustino Fortunato di Benevento.

Forte la sua passione politica. Nel 1994 si candida con il Patto per l’Italia di Mario Segni, anche se non viene eletto. Diventa però ministro delle Finanze nel 1995, con il governo di Lamberto Dini, quindi assume anche l’interim del ministro del Bilancio e della Programmazione Economica. Nel 1996 viene eletto nelle liste di Rinnovamento Italiano al fianco di Dini e tra il 1996 e il 1998 ricopre il ruolo di ministro del Commercio con l’Esterno del primo governo Prodi, poi quello di presidente della commissione Bilancio della Camera dei Deputati. Nel 1999 aderirà ai Democratici. Dal maggio 2010 era presidente di Sisal Holding Finanziaria.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ragusa, 11enne investito. Borrometi: “Evitate che i funerali siano fatti da un amico di chi lo ha ucciso”

next
Articolo Successivo

Savona, “ti ricordi di me?”. Poi spara nel locale in spiaggia e uccide la ex moglie. Killer in fuga armato: è caccia all’uomo

next