Sei turisti stranieri sono morti e almeno altre 30 persone sono rimaste ferite nella notte tra mercoledì e giovedì a causa di un tornado e delle violente grandinate che si sono abbattute in Grecia, in particolare nel nord della penisola Calcidica. “È stato un fenomeno senza precedenti, con venti fortissimi e forti tempeste di grandine”, ha fatto sapere il capo della protezione civile locale spiegando che nella zona “è stato dichiarato lo stato di emergenza”.

Il tornado è durato circa una ventina di minuti, come hanno raccontato alcuni testimoni alla televisione pubblica greca Ert. Le vittime sono un uomo russo con il figlio di due anni: si trovavano in un albergo della località balneare di Cassandra quando un albero li ha travolti e uccisi. Una coppia di turisti cechi è morta invece all’interno del proprio caravan, travolto dalle forti raffiche di vento a Popontida, mentre una donna rumena e il suo bambino sono rimasti schiacciati dal tetto di un edificio divelto dal tornado. Oltre 140 pompieri sono al lavoro da ore per cercare di riparare i danni ed evitare ulteriori problemi.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Angela Merkel, nuovo tremore per la cancelliera tedesca: “Sto bene, perfettamente in grado di svolgere incarico”

prev
Articolo Successivo

Francia, è morto Vincent Lambert: era simbolo della battaglia sul fine vita

next