Il sindaco di Bibbiano Andrea Carletti si è autosospeso dal Pd. La decisione è stata comunicata tramite una nota dell’avvocato Giovanni Tarquini. Il primo cittadino è indagato per abuso d’ufficio e falso nell’ambito dell’indagine “Angeli e Demoni” in val d’Enza in provincia di Reggio Emilia. Sotto accusa il presunto sistema illecito di affidi di minori. Carletti si trova attualmente agli arresti domiciliari con le accuse di abuso d’ufficio e falso in atto pubblico. Pochi giorni fa è stato sospeso dalla carica di sindaco per decisione del prefetto di Reggio Emilia Maria Grazia Forte.

“In ragione di quanto previsto dallo Statuto – recita la note del legale – Carletti ritiene opportuno e doveroso autosospendersi dal partito. Ringrazia a tutti i livelli per il sostegno ricevuto e confida di poter riprendere al più presto il suo impegno per l’affermazione di quei valori e di quegli ideali che hanno sempre guidato la sua attività politica ed istituzionale”. Nei giorni scorsi il gip Luca Ramponi ha confermato gli arresti domiciliari per Carletti e Claudio Foti, psicoterapeuta della onlus Hansel & Gretel. “C’è ovviamente amarezza per questa situazione ed in rapporto ai fatti oggetto di indagine egli rinnova la piena fiducia nell’operato della magistratura”, continua la nota di Carletti, “auspicando che in tempi brevi sia fatta piena chiarezza e si proceda ad ogni doveroso accertamento. Quanto alle contestazioni che lo riguardano, ribadisce con estrema fermezza la correttezza e l’onestà del proprio operato, che è stato sempre improntato al pieno rispetto delle norme di legge. Il suo primo pensiero va ai minori e alle famiglie coinvolte ai quali esprime una sincera vicinanza”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Ex Ilva, il custode giudiziario: “Interventi effettuati non scongiurano danni irreversibili per operai e popolazione”

prev
Articolo Successivo

Bellomo indagato per minacce e calunnia al premier Giuseppe Conte: lo denunciò per evitare di essere destituito

next