Dopo tre ore di vertice a Palazzo Chigi tra il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, i due vice Luigi Di Maio e Matteo Salvini e i ministri di Lega e M5s, la ministra per gli Affari regionali, Erika Stefani, ha commentato che “si andrà avanti a oltranza, ma passi avanti ne sono stati fatti. Il Parlamento deve essere principe e padre della riforma e sarà prerogativa dei presidenti della Camera e del Senato decidere quali saranno le modalità di discussione”. La prossima riunione è in programma giovedì.

Le distanze tra i due partiti di maggioranza restano su due temi: infrastrutture e istruzioni, che vengono definiti “molto delicati”. In particolare sull’istruzione ci sono le contrarietà dei 5 stelle su assunzioni dirette da parte delle Regioni, sulle norme sui cicli scolastici e piani di studio.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sala a M5s: “Volete le mie dimissioni? Voi Expo non sareste riusciti a farlo e tanto meno a immaginarlo”

next
Articolo Successivo

Governo, Di Maio: “Salvini non risponde e dice di sentirsi solo sul tema dei migranti? Gli mandiamo un peluche”

next