Nei giorni scorsi ho incontrato i bambini della scuola dell’infanzia “Augustoni Maria Ceri” di Mozzanica (Bergamo). Avevano il desiderio di raccontare a un giornalista della loro esperienza. Non avrei mai pensato che anche dei bambini di tre, quattro, cinque anni potessero aderire al #Fridaysforfuture. Lo hanno fatto a loro modo. Partendo dalla loro piccola realtà: andando a vedere con i loro occhi il vicino parco e decidendo di dettare alle maestre una lettera indirizzata al primo cittadino. Ve la riporto qui sotto. Se dei bambini così piccoli son stati capaci di cambiare il mondo, allora può esserci ancora speranza.

Caro sindaco,
siamo i bambini della classe dei rossi della scuola dell’infanzia e abbiamo bisogno del tuo aiuto.
Un giorno siamo andati al parco vicino alla nostra scuola e abbiamo visto tante cose belle, abbiamo trovato anche dei tesori preziosi: fiori bianchi e viola, sassi, bastoncini, ghiande, pezzetti di corteccia. Ma c’erano anche delle carte per terra, un Estathè, il vetro vicino alla tana degli scoiattoli, una bottiglia di plasticaAbbiamo deciso di preparare dei cartelli da attaccare al parco per ricordare a tutti di tenerlo pulito. Abbiamo fatto dei disegni e Anna ci ha aiutato a scrivere quello che volevamo dire: “usare i cestini giusti, non pestare i fiori, non buttare per terra la carta, di raccogliere la cacca dei cani, di non buttare il vetro per terra altrimenti gli animali si possono fare male.” Poi siamo andati insieme al parco ad attaccarli.
Ma dopo pochi giorni i nostri cartelli non c’erano più. Abbiamo pensato fosse stata la pioggia e il vento, ma un nostro compagno ci ha raccontato di aver visto dei ragazzi strappare i nostri cartelli. Questa cosa ci ha fatto sentire molto arrabbiati e anche tristi, perché non si distruggono le cose degli altri.

Sindaco, abbiamo pensato che tu puoi essere la persona giusta che ci può aiutare perché sei il capo di Mozzanica, tu sei importante e decidi tante cose. Noi abbiamo alcune idee per risolvere questa situazione.
– Riccardo: “Vorrei mettere nel parco più bidoni della spazzatura, almeno nove!!”
– Emma: “Vorrei andare con tutti i rossi a pulire il parco”
– Andrea: “E anche tenere sempre l’erba tagliata”
– Federico: “Il sindaco potrebbe mettere delle telecamere per tenere sempre controllato il parco”
– Marcello: “Mettere altri cartelli, più resistenti però non come i nostri di carta, che non si possono strappare, magari di ferro o metallo”
– Angelica: “Vorrei che ci fosse sempre qualcuno che tenesse pulito il parco. ma una persona da sola non può fare questo lavoro. Ci metterebbe troppo tempo! Meglio se si è in tanti!!”.
Caro sindaco, ti invitiamo alla nostra scuola, sappiamo che hai tante cose da fare; magari quando avrai finito, così ne possiamo parlare insieme.
Grazie
Ciao
I rossi

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Africa, Sahel oppresso da violenze, disuguaglianze e crisi climatica. Oxfam al G7: “Intensificare sforzi umanitari”

prev
Articolo Successivo

Rifiuti Roma, Zingaretti ordina al Comune l’ok ai due bilanci Ama sotto inchiesta: “Città sia pulita in 7 giorni”

next