Cesare Geronzi e Matteo Arpe sono stati condannati in via definitiva per il crac delle acque minerali Ciappazzi, filone dell’inchiesta Parmalat. I giudici della Cassazione hanno deciso una pena di 4 anni e mezzo per il primo e 3 anni e mezzo per il secondo. Sono stati condannati anche Roberto Monza e Antonio Muto a 3 anni e due mesi ciascuno, Riccardo Tristano a 3 anni e Eugenio Favale a 2 anni e 2 mesi.

Una richiesta di revisione dell’intero processo è stata presentata dai legali di Arpe sulla base dell’emersione di un nuovo quadro probatorio, con procedimento incardinato alla Corte di Appello di Ancona. Arpe, presidente del gruppo finanziario Sator da lui fondato, attualmente non è nel cda di istituzioni bancarie quotate e quindi non incorre nel rischio di decadere secondo le norme di rispettabilità della Bce.

Sarà la Corte di Appello di Bologna, che per la terza volta si occuperà del processo per il crac Ciappazzi, a stabilire quale sarà la durata delle pene accessorie da applicare agli imputati. E’ comunque passata in giudicato la condanna penale. I giudici dell’appello tris dovranno stabilire per quanto tempo gli imputati saranno inibiti dal ricoprire incarichi societari e pubblici uffici.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Processo ai Casamonica, il Campidoglio (per ora) non è parte civile. Il giudice: “L’istanza è stata depositata in ritardo”

prev
Articolo Successivo

Matteo Renzi condannato dalla Corte dei Conti: quegli “aumenti di spesa” da presidente di provincia e sindaco

next