A bordo della Rainbow Warrior, la nave ammiraglia della flotta di Greenpeace, Luca Casarini, il capo missione di Mediterranea Saving Humans, ha annunciato che a breve l’organizzazione non governativa italiana tornerà in mare: “A brevissimo, questione di ore, massimo un giorno, torneremo in mare con una imbarcazione battente bandiera italiana. Credo sia la migliore risposta a chi ha fatto una guerra contro chi salva le persone”. La prima nave di Mediterranea, la Mare Jonio, è stata sequestrata a maggio 2019, dopo aver salvato 30 naufraghi a quaranta miglia dalle coste delle Libia. Venerdì 28 giugno, dopo sei mesi di blocco, ha ripreso il mare anche la nave della ong spagnola Open Arms.

Salvare persone – dice Casarini – non è mai un crimine per noi, mai. Continueremo ad andare in mare, proprio dove non vogliono. La nostra nave Jonio è sotto sequestro perché abbiamo salvato 50 persone, fra cui una bimba di due anni che ora sta bene”. Su Twitter Mediterranea ha annunciato: “La Mare Jonio è ancora ferma, ma Mediterranea tornerà in mare prestissimo, là dove è necessario essere, in questi giorni, più che mai. Tra poco si parte e abbiamo bisogno di tutte e tutti voi”.

Il capo missione della ong parla poi del caso della Sea Watch 3, dopo aver espresso piena solidarietà a Carola Rackete: “Le testimonianze, il monitoraggio, l’essere li dove c’è bisogno di aiuto. È questo il nodo fondamentale, il motivo della criminalizzazione. Non vogliono testimoni di fronte a una tragedia che si sta compiendo nel Mediterraneo centrale e non li vogliono perché loro sanno tutto, sanno quando affondano, sanno quanti annegano”. “Dall’inizio del 2019 – aggiunge – sono oltre 1500 morti nel Mediterraneo centrale a trasformare questo nostro mare in una fossa comune. Noi non ci stiamo, vogliamo andare li, denunciare quello che accade è, se possiamo, aiutare chi ha bisogno. La repressione e la criminalizzazione non ci fermano. È troppo forte il desiderio di aiutare le persone e la volontà di non girare la testa dall’altra parte questa volta. Nella storia, in Europa, lo abbiamo già fatto di girare la testa dall’altra parte di fronte ai campi di concentramento, ma non lo faremo più”. 

 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Lettera al ‘fascista’ che augura lo stupro a Carola. La domanda è: perché?

next
Articolo Successivo

Hong Kong, “500mila” scendono in piazza: manifestanti occupano il Parlamento, ma la polizia carica e lo riprende

next