Iride, riconoscimento facciale o impronta digitale? C’è un altro elemento che identifica univocamente le persone: il battito del cuore. Ne parlano i ricercatori del Massachusetts Institute of Technology in un nuovo articolo, in cui descrivono un dispositivo sviluppato per il Pentagono. Può identificare le persone rilevandone l’esclusiva “impronta cardiaca” tramite un laser a infrarossi, a distanze fino a 200 metri, che si potrebbero aumentare sfruttando laser più potenti.

Gli esperti spiegano che ci sono altre tecniche all’avanguardia per identificare le persone da lontano, come ad esempio l’andatura, ma non sono necessariamente univoche, lo è invece la firma cardiaca di un individuo, che non può essere alterata o mascherata. Il dispositivo, che è stato battezzato Jetson, funziona usando una tecnica nota come vibrometria laser per rilevare il movimento superficiale causato dal battito cardiaco, e funziona anche se la persona indossa camicia e giacca.

Foto: Depositphotos

 

Da notare che non si tratta di un’idea inedita, perché le firme cardiache sono già utilizzate per l’identificazione a scopo di sicurezza. L’azienda canadese Nymi, ad esempio, ha sviluppato un sensore per le pulsazioni come alternativa all’identificazione delle impronte digitali, che è già stato testato presso un’azienda edilizia nel Regno Unito. La novità di Jetson sta nel fatto che non richiede alcun contatto con la persona da identificare. Anche le tecnologie impiegate non sono inedite: viene sfruttato un dispositivo standard impiegato nell’industria per controllare le vibrazioni a distanza in strutture come le turbine eoliche. Nel caso di Jetson, è stato aggiunto uno speciale giunto cardanico in modo che un punto laser invisibile, di dimensioni quadrate, possa essere “puntato” su un bersaglio piccolo. La scansione con questo sistema impiega circa 30 secondi perché sia attendibile, per questo al momento il dispositivo è efficace solo quando il soggetto è seduto o in piedi.

Il gruppo di ricerca del MIT si è occupato dello sviluppo software, ossia della creazione degli algoritmi necessari per estrarre la firma cardiaca dai segnali laser. Secondo Steward Remaly del Combating Terrorism Technical Support Office del Pentagono, in buone condizioni Jetson può ottenere una precisione superiore al 95%, e il valore è migliorabile. È possibile che Jetson venga impiegato insieme al riconoscimento facciale o ad altri metodi di identificazione per avere certezze assolute.

Al momento la limitazione più evidente di questo sistema è la mancanza di un database di firme cardiache con cui confrontare i risultati della scansione. In proiezione futura però l’idea è interessante, soprattutto per l’applicazione civile in ambito sanitario, ossia per eseguire scansioni cardiache alla ricerca di aritmie o altro, senza bisogno di collegare fisicamente i pazienti agli strumenti diagnostici.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

L’Intelligenza Artificiale modifica le foto solo se gli interventi sono coerenti e non stravolgono l’immagine

next
Articolo Successivo

Esports, i QLASH annunciano una nuova partnership con MSI e Logitech

next