Cinquantacinque persone provenienti dalla Libia sono state soccorse dalla Guardia costiera e dalla Guardia di Finanza. Erano a bordo di un barcone soccorso al largo di Lampedusa, proprio mentre l’isola è  al centro del caso Sea Watch.

L’imbarcazione è stata avvistata da Open Arms, la nave della Ong catalana che si trova al largo dell’isola in acque internazionali. Dalla Ong hanno dato subito l’allarme alle centrali operative di Malta e Italia, sottolineando che a bordo c’erano anche 4 bimbi, tre donne incinte e che i migranti presentavano un alto tasso di disidratazione in quanto sarebbero stati in mare da 3 giorni.

Alla richiesta di soccorso ha risposto l’Italia che ha inviato in zona una motovedetta della Guardia di Finanza. I migranti sono stati tutti recuperati e trasferiti sull’imbarcazione delle fiamme gialle: 11 di loro sono già arrivati a Lampedusa, con una motovedetta della Guardia Costiera in quanto avevano patologie mediche che richiedevano uno sbarco immediato. Gli altri, invece, verranno trasferiti in Sicilia, a Pozzallo o Licata.

 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Turista scompare nel lago di Como: è una calciatrice della nazionale svizzera

next
Articolo Successivo

Sea Watch, l’arresto della capitana visto dalla Germania. Il capo di Stato Steinmeier: “Chi salva vite non è criminale”

next