“La Guardia costiera e le autorità italiane sono salite di nuovo a bordo e ci hanno detto di essere pazienti, perché la situazione si sta sbloccando“. Lo ha detto in un video diffuso dalla ong la capitana della Sea Watch Carola Rackete. La nave della ong tedesca con a bordo i 42 migranti che si trovano in mare ormai da 14 giorni, alle 14.16 ha tentato di avvicinarsi al porto: “A circa un miglio le è stato intimato di spegnere i motori”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Strage di Ustica, Mattarella: “Ferita indelebile. Bene contributi per la verità”. Fico: “Restano punti interrogativi”

prev
Articolo Successivo

Sea Watch, a bordo della nave ferma davanti a Lampedusa. Magi: “Migranti allo stremo, in spazi angusti”

next