Gli eurodeputati M5s a Bruxelles hanno chiesto l’adesione al gruppo della Sinistra unitaria europea (Gue). L’avvicinamento è stato rivelato dal quotidiano spagnolo Eldiario.es e confermato a ilfattoquotidiano.it da fonti interne al Movimento. Della formazione fanno parte anche il partito greco Syriza di Alexsis Tsipras e gli spagnoli di Podemos. A favore, dicono i media spagnoli, si è schierata la presidente del gruppo Gabi Zimmer (Die Linke), ma rimangono tante le perplessità dei componenti del gruppo: il problema principale è che i 5 stelle in Italia sono al governo con la Lega di Matteo Salvini e questo, per molti, è un ostacolo insormontabile.

Il M5s, a quasi un mese dalle elezioni Europee, è ancora orfano di una famiglia politica a Strasburgo. La “deadline del 25 giugno, fissata dal Parlamento Ue, per comunicare la formazione dei gruppi è solo amministrativa”, hanno commentato fonti del Movimento nelle scorse ore, precisando che “la delegazione del 5 stelle al Parlamento europeo sta lavorando e si prende ancora qualche giorno di riflessione prima di comunicare la propria collocazione europea”. Le stesse fonti hanno anche precisato che “il dialogo continua” e che i 5 stelle vogliono “un cambiamento vero e non ipocrita dell’Unione europea”. Per questo “ci impegniamo da subito a collaborare con tutti quelli che vogliono superare le politiche di austerity che hanno bloccato lo sviluppo dell’Italia e di molti altri Paesi europei”. Altre fonti ben informate a Bruxelles, interpellate dall’agenzia Ansa, parlano invece di “trattative tutte in salita” con altri gruppi, partiti e movimenti, e di “difficoltà” incontrate dai 5 stelle, anche dopo la chiusura di alcuni gruppi come i Verdi europei.

Non si esclude dunque la possibilità che la delegazione dei 14 europarlamentari pentastellati possa trovarsi isolata a Strasburgo qualora trovasse delle porte chiuse col rischio di convergere nel gruppo dei non iscritti. Ipotesi per nulla gradita ai M5s. Il progetto iniziale dei 5 stelle era fallito già subito dopo il voto di fine maggio. Dei quattro partiti che avrebbero dovuto far parte del gruppo oltre al M5s, solo i croati di Zivi Zid sono riusciti infatti a far eleggere un eurodeputato a Strasburgo. Tutti gli altri non sono riusciti a superare la soglia di sbarramento. Sono rimasti fuori: in Polonia il partito nazionalista Kukiz15, il finlandese Liike Nyt, gli estoni di Elurikkuse Erakond, il partito greco guidato da Evangelios Tsiobanidis.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Il patto di Stabilità? Una punizione ‘chimica’ assolutamente inaccettabile

prev
Articolo Successivo

Elezioni Grecia, per i sondaggi Nea Dimokratia in vantaggio su Tsipras: si va verso governo di larghe intese?

next