L’Italia Under 21 saluta gli Europei e con essi anche le Olimpiadi di Tokyo 2020. L’edizione casalinga che si annunciava trionfale, termina con un fallimento. Francia e Romania pareggiano 0 a 0, come nelle previsioni, garantendosi così entrambe l’accesso alle semifinali e mandando a casa gli azzurrini. La squadra del ct Di Biagio paga a caro prezzo la sconfitta contro la Polonia per 1 a 0 nella seconda partita del girone A, dopo la splendida vittoria all’esordio contro la Spagna.

L’Italia ha terminato il suo girone a 6 punti, troppo pochi per diventare la seconda miglior classificata e ottenere un posto in semifinale accanto alle tre vincitrici dei gruppi: Spagna, Germania e Romania. Al nostro posto, prosegue il suo cammino la Francia. E saranno anche queste quattro squadre a rappresentare l’Europa ai prossimi Giochi estivi.

Francia-Romania con un pareggio sapevano di essere entrambe qualificate, mentre una vittoria della Romania o della Francia (ma con 3 o più gol di scarto) avrebbero permesso all’Italia il passaggio alle semifinali. Ma il maggior rimpianto resta appunto la sconfitta con la Polonia: un passo falso che una squadra infarcita di talenti, da Chiesa a Kean, da Zaniolo a Barella, non si sarebbe dovuta concedere.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

San Siro, Milan e Inter: “Buttiamo giù il vecchio stadio e lo costruiamo nuovo”. Sala: “Nel 2026 sarà ancora funzionante”

prev
Articolo Successivo

Luigi Di Biagio, perdente di successo: dimissioni obbligate dopo tre flop europei e due qualificazioni olimpiche mancate

next