Con il ritorno dell’estate molti prestano più attenzione alla propria pelle, e i nevi sospetti (cioè i nei atipici) possono suscitare preoccupazione. Grazie ai progressi delle Intelligenze Artificiali e delle tecniche di apprendimento automatico, sono state sviluppate app per lo smartphone che aiutano a farsi un’idea della possibile nocività di queste lesioni cutanee.

L’app per iOS e Android sviluppata da SkinVision e appena aggiornata all’ultima versione, è stata selezionata per aderire all’NHS Innovation Accelerator, un’iniziativa realizzata in collaborazione con 15 reti accademiche di Scienze della salute, con l’obiettivo di supportare l’adozione e la diffusione di innovazioni comprovate e di forte impatto per il sistema sanitario nazionale britannico (NHS, National Health Service), a beneficio di pazienti e personale del servizio sanitario.

Nessuna app può sostituire una visita dermatologica, ma può dare un’indicazione di massima, da verificare poi con un professionista della medicina. Il funzionamento di quest’app sviluppata nel Paesi Bassi è semplice: basta installarla e creare il proprio account, inquadrare i nevi della pelle tramite la fotocamera dello smartphone e attendere 30 secondi per ricevere un’indicazione di rischio che può variare da basso a medio o alto. Nel caso di una valutazione ad alto rischio, si riceverà un avviso entro 48 ore con i consigli sui successivi passi da compiere.

Non serve scattare: quando la fotocamera inquadra un nevo, l’app cattura automaticamente il soggetto. Prima di elaborare l’immagine viene chiesto semplicemente se il nevo inquadrato si lacera, si infiamma o meno, quindi arriva il responso.

L’app è in lingua inglese, ma per comprendere la diagnosi basta conoscere i termini Low, Medium e High (basso, medio, alto). Attivando la condivisione della posizione si può avere l’indice UV in tempo reale, con l’indicazione sul fattore di protezione ideale da adottare.  Si può anche rispondere a un breve questionario per definire il proprio tipo di pelle: dalle lentiggini alla facilità con cui si rimediano scottature solari. Entrambi i passaggi si possono saltare, non sono obbligatori.

Con l’inclusione nel programma NHS l’obiettivo è di fare che i medici generici del Regno Unito incoraggino i propri pazienti a scaricare l’app e a usarla gratuitamente (altrimenti è a pagamento). Il professore Stephen Powis, direttore sanitario di NHS, spiega che “i pazienti del NHS beneficiano di innovazioni rivoluzionarie, diffuse come parte di questo programma, e ora più pazienti saranno supportati da nuovi strumenti come l’app che usa l’intelligenza artificiale per aiutare a identificare il cancro della pelle”.

Erik de Heus, amministratore delegato di SkinVision, si dice “orgogliosi che SkinVision sia in grado di fornire supporto al servizio sanitario nazionale nel salvare la vita di molte persone, rendendo il sistema sanitario più efficace e riducendo i costi”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Alcuni notebook MacBook Pro 15 installano una batteria difettosa, ecco come avere la sostituzione gratuita

prev
Articolo Successivo

Acer TravelMate X5 TMX514, il notebook da 980 grammi fatto apposta per lavorare in viaggio

next