La Federal Reserve, la banca centrale degli Stati Uniti, ha deciso di tenere fermi i tassi d’interesse tra il 2,25 e il 2,50 per cento, ma si prepara a cambiare la sua rotta sulla politica monetaria. In una nota diffusa dal Federal Open Market Committee si legge che sono “aumentate” le “incertezze”, legate al rallentamento della crescita globale e le tensioni commerciali. Tuttavia, la banca centrale, in accordo con quando dichiarato da inizio anno dal governatore Jerome Powell, non sembra più pronta ad essere “paziente” e si potrebbe preparare a un futuro taglio dei tassi.

Diversi membri del comitato, confermando le dichiarazione di Powell, “vedono che le condizioni per una politica in qualche modo più accomodante si sono rafforzate”. Dai documenti mostrati al termine della riunione di politica monetaria, non risulta comunque che la banca centrale americana preveda un taglio dei tassi per il 2019, ma un abbassamento del costo del denaro potrebbe arrivare nel 2020. Comunque, anche se le incertezze sono aumentate, la Fed ha confermato per il 2019 una previsione di crescita del Pil pari a +2,1%, pur limando le prospettive sull’inflazione a un 1,5% dall’1,8% pronosticato in marzo.

Gli ultimi dati, però, si sono mostrati decisamente meno incoraggianti. Motivo per cui potrebbe aver vinto la linea dell’attendismo. Tanto è vero che, sebbene alcuni membri abbiano preso in considerazione un taglio dei tassi, alla fine si è preferito “vedere di più prima di muoversi”, come confermato da Powell. Un orientamento che difficilmente troverà il supporto di Donald Trump, che ha spinto più volte per un’azione immediata. Secondo quanto riferito da Bloomberg, la Casa Bianca avrebbe addirittura valutato in febbraio un declassamento dell’attuale numero uno della Fed. Ipotesi prontamente smentita da Washington, che ha precisato come non sia prevista al momento una mossa del genere, senza però chiarire se ci sia stata in passato un ragionamento in merito. “Penso che la legge sia chiara: ho un mandato di quattro anni e intendo portarlo a termine”, ha chiarito in conferenza stampa il governatore della Fed.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

TRUMP POWER

di Furio Colombo 12€ Acquista
Articolo Precedente

Dl crescita, sui fondi per il Sud si riapre lo scontro M5s-Lega. Lezzi: “Va stralciato”. L’esame del decreto slitta a giovedì

next
Articolo Successivo

Conti pubblici, Tria aggiorna i dati per la Ue: nei primi 6 mesi saldo positivo di 3 miliardi, confermati i tagli ai ministeri

next