Ultimo appuntamento con la terza stagione di “Belve”, il programma di interviste irriverenti condotto e ideato dalla giornalista Francesca Fagnani, in prima tv sul Nove di Discovery Italia venerdì 21 giugno, eccezionalmente alle 23.15 per dare spazio agli azzurri del volley, impegnati contro la Serbia nella Volleyball Nations Leagues. Dopo Mara Carfagna e Alba Parietti, Andrea Delogu e Maria Giovanna Maglie, Barbara Palombelli e Elisa Di Francisca, questa è la volta della graffiante Daniela Santanchè e della sola belva uomo della stagione, Massimo Giletti. Si affonderanno gli artigli in vicende note, lasciando agli ospiti la possibilità di togliersi qualche sassolino dalle scarpe, ma senza tralasciare particolari inediti e dando spazio ad aneddoti e confessioni. Argomento di punta del giornalista di Non è l’Arena” (La7), Massimo Giletti, sarà la vicenda Rai (con al centro anche le recentissime trattative con viale Mazzini e quelle con Cairo per restare, quasi certamente, a La7), il travagliato addio dopo tanti anni di conduzione de L’Arena” (Rai 1) tra chi gli è rimasto accanto e chi gli ha voltato le spalle. Non ultima, l’endemica rivalità con il collega Fabio Fazio. Ma non solo il tema Rai, il giornalista, spesso restio a parlare del suo privato, si lascerà andare anche a dettagli sulla sua vita sentimentale e familiare. Difficile invece per Daniela Santanchè non affilare le lame tra vicende di partito, qualche piccato riferimento alla sua precedente storia con Alessandro Sallusti, direttore de Il Giornale, con cui la senatrice di Fratelli d’Italia è stata legata per molti anni e un lato decisamente meno noto della ‘Pitonessa’ della politica italiana.

“Belve” (8 episodi da 30’) è scritto da Francesca Fagnani e prodotto da Loft Produzioni per Discovery Italia ed è disponibile anche su Dplay (sul sito www.it.dplay.com – o scarica l’app su App Store o Google Play). Nove è visibile al canale 9 del Digitale Terrestre, su Sky Canale 149 e Tivùsat Canale 9.

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

×
Articolo Precedente

Cani Sciolti, su Loft il docu-ritratto di Marcello Fonte: “Io, ladro di sogni dalle baracche della Calabria alla Croisette”

prev
Articolo Successivo

Belve (Nove), Massimo Giletti: “La strategia di Matteo Salvini? E’ chiara, avere un nemico a settimana”

next