Un ragazzo di 25 anni è morto per un infarto dopo essere stato accoltellato durante una feste di paese a Veniano, in provincia di Como, la sera del 16 giugno. In mattinata un uomo di 47 anni di Fenegrò ha confessato l’omicidio, dicendo di aver colpito il ragazzo con un coltello a serramanico perché gli aveva gettato addosso dell’acqua.

La vittima si chiamava Hans Junior Krupe, ed era nato in Italia da genitori olandesi. Il 47enne è accusato di omicidio e porto abusivo di arma bianca. L’uomo è stato individuato dai carabinieri di Cantù grazie alle immagini delle telecamere e ai racconti di alcuni testimoni. Quando gli agenti sono entrati in casa sua aveva ancora i vestiti sporchi di sangue.

L’aggressione è avvenuta in una zona appartata del parco comunale, mentre nel paese, di circa tremila abitanti, si festeggiava il Giugno Venianese. Alcuni testimoni hanno raccontato di aver visto dell’agitazione e quando sono intervenuti il giovane era a terra, cosciente ma incapace di chiedere aiuto. Soccorso dal 118, Hans è stato trasportato all’ospedale Sant’Anna di Como, dove i medici del pronto soccorso non hanno potuto far altro che constatarne la morte per arresto cardiaco.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Bergamo, carabiniere travolto e ucciso al posto di blocco. Al conducente era già stata ritirata la patente nel 2018

next
Articolo Successivo

Milano, abusa di tre bambine tramite un falso profilo Whatsapp. Arrestato 48enne con problemi psicologici

next