Jorge Lorenzo. Due parole fino a ieri dimenticate dal circus della MotoGp descrivono il disastro del gran premio della Catalogna. Il maiorchino, disperso per 6 gare, parte decimo e per il desiderio di strafare con le gomme morbide, finisce per fare strike al 2° giro. Un colpo destinato alla peggiore antologia del motomondiale e a cambiare il campionato in corso: Lorenzo arriva lungo in staccata, pianta l’anteriore di traverso e in un colpo solo abbatte Rossi, Vinales e soprattutto Dovizioso, liberando la pista per Marc Marquez che se ne va via felice e contento verso la vittoria e un probabile nuovo titolo iridato.

Secondo-primo-caduto-primo-primo-secondo-primo è l’impressionante tabella di marcia dello spagnolo: Marquez è il più veloce, il più spettacolare, il più cinico e da oggi anche il più fortunato di tutti. Nell’unica giornata in cui la Yamaha si ricorda di fare motociclette e non tagliaerba, ci pensa il suo compagno di squadra (per quanto ancora?) a falciare tutto, schivandolo per pochi centimetri. Per il maiorchino, invece, la figuraccia diventa l’unico acuto (stonato) di una stagione orrida. Non ci sono più moto disegnate per altri, selle poco comode, postumi di infortuni: a capo chino si presenta ai microfoni e chiede solamente scusa.

A salvare la gara, per fortuna, c’è Fabio Quartararo: partito in pole, scivolato nelle retrovie alla prima curva, il rookie si regala (e regala alla Yamaha Petronas satellite) la seconda piazza facendo a sportellate con Petrucci (3°) e Rins (4°). Esulta, giustamente, ma tra lui e la vittoria ci sono comunque due secondi e mezzo.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Governo, Salvini: “Di Maio delegittimato dal voto su Rousseau? Si esprimano iscritti M5s. Mi interessa lavorare”

prev
Articolo Successivo

MotoGp Olanda, ad Assen torna a vincere la Yamaha di Vinales: Marquez battuto

next