In attesa che il M5s decida se confermare Luigi Di Maio come capo politico con il voto su Rousseau degli iscritti, dopo la sconfitta alle Europee, è il vicepremier e segretario della Lega Matteo Salvini a rivendicare: “Governo appeso alla decisione su Di Maio su Rousseau? In democrazia se i 5 Stelle vogliono sentire la base…Di Maio delegittimato dal voto sarebbe un problema per il governo? Lasciamo scegliere gli iscritti del M5s”, ha tagliato corto Salvini, al termine di un incontro con i gruppi parlamentari della Lega. In precedenza, Salvini aveva avuto un incontro anche con il premier Giuseppe Conte a Palazzo Chigi. “È andato bene, bene. Abbiamo parlato di cose da fare: riforma della giustizia, della pubblica amministrazione.

Sull’autonomia c’è sintonia, sul decreto sicurezza siamo ampiamente pronti, sulla riforma fiscale c’è la volontà di andare avanti, poi c’è il tema Europa, lettere, richiami, su cui abbiamo chiesto il voto degli italiani”; ha aggiunto il vicepremier Salvini.

Tra i parlamentari presenti al vertice leghista, si è rivisto anche Armando Siri, l’ex sottosegretario poi dimissionato da Conte per l’indagine a suo carico per corruzione: “Diverso trattamento della Lega sul caso Rixi? Due pesi e due misure? Io continuo a lavorare”, ha tagliato corto.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Fca, la profezia di Airaudo: “Sentiremo parlare di altre vendite o totali o parziali di pezzi del gruppo”

prev
Articolo Successivo

Ue, Salvini: “Procedura d’infrazione sarebbe attacco politico basato su antipatia, non su numeri”

next