Sono le 9 di venerdì mattina a Torvaianica, cittadina alle porte di Roma, quando dalle villette in via San Pancrazio si sente il boato di un’esplosione. A bruciare è un’auto, una Ford Fiesta abbandonata in una parte isolata immersa in un campo incolto. Scatta l’allarme, subito arrivano i vigili del fuoco che, spente le fiamme, scoprono nell’auto due corpi carbonizzati uno accovacciato sul sedile posteriore l’altro sull’anteriore. I cadaveri sono irriconoscibili, difficile stabilire l’identità, ma a un primo esame si tratterebbe di un uomo e una donna: Maria Corazza, 46 anni, e Domenico Raco, 39. 

La donna, originaria di Pomezia, è la figlia della proprietaria dell’auto, una 78nne che ha dato l’allarme, mentre l’uomo sarebbe un amico di famiglia, di cui si sono perse le tracce proprio nella mattina di venerdì: si tratta di un elettricista di origini calabresi ma residente da anni a Torvaianica. Come mai i due fossero insieme e, soprattutto, cosa ci facessero seduti così distanti saranno le indagini a spiegarlo: sarà l’autopsia infatti a stabilire le cause della morte, chiarendo se i due siano stati uccisi prima che la macchina esplodesse o se sono bruciati vivi.

Le indagini si infittiscono di ora in ora, non escludendo alcuna pista: sia quella del suicidio-omicidio che quella del duplice omicidio. Sotto interrogatorio, per quasi 12 ore, è finito il compagno della vittima, Maurizio D.N., che ha raccontato di aver accompagnato Maria Corazza e la loro figlia a scuola, per gli esami di terza media, e poi essersi separato dalla donna. Agli inquirenti l’uomo ha precisato di aver incontrato quella mattina tre persone tra clienti e colleghi, presso una ditta di Pomezia: l’alibi è stato confermato ai carabinieri dai tre e ora il 55enne, incensurato, è a piede libero. Rappresentante di vernici per una società che ha sede a Bergamo, Maurizio D.N. si stava muovendo verso Frosinone per un altro appuntamento di lavoro quando è stato chiamato in caserma dopo il ritrovamento dell’auto carbonizzata. La madre della donna ha riferito di aver prestato la sua auto alla figlia la sera prima e di non averla più sentita da allora. Si scava nella vita della coppia e tra le amicizie della 46enne scomparsa, di cui si sono ascoltati anche diversi familiari. Per ora nessun fermo, confermano fonti investigative, almeno fino a quando non sarà certa l’identità di entrambi i corpi.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Roma, trovati due cadaveri carbonizzati in un’auto nel litorale di Torvaianica. La proprietaria: “L’ha presa mia figlia”

next
Articolo Successivo

Palermo, entra nel negozio dove lavora la moglie e la uccide: arrestato. “La donna lo aveva denunciato più volte”

next