Prima il silenzio e l’imbarazzo. Poi, in queste ultime ore, qualcuno che inizia a far sentire la sua voce di dissenso. Ma di fatto nel Partito democratico nessuno, e men che meno il segretario democratico Nicola Zingaretti, ha deciso di prendere provvedimenti davanti al caso Lotti-Csm.

I primi a dare segni di cedimenti di fronte alla non reazione della dirigenza hanno deciso di venire allo scoperto solo oggi. Anche se “Io non giudico nessuno”, ha detto Luigi Zanda, senatore e tesoriere del partito, al Corriere della Sera, “ma Luca Lotti ora valuti attentamente se è il caso di lasciare il Pd finché non sarà chiarita la sua posizione”. Più netta la posizione dell’eurodeputato Carlo Calenda, uno che al partito ha aderito da poco più di un anno e che spesso tiene a marcarne le differenze. In uno scambio di messaggi su Twitter, a chi gli ha ricordato come sull’azione di Lotti Matteo Renzi “avesse sostenuto che era tutto normale”, ha detto: “Dissento. Quello di Luca Lotti non è affatto un comportamento normale. È al contrario inaccettabile da ogni punto di vista. A quale titolo e con quale scopo si concertano azioni riguardanti magistrati? Il Pd deve dirlo in modo molto più netto rispetto a quanto fatto fino ad ora”. Contro Calenda si è scagliato, sempre su Twitter, il deputato Pd Michele Anzaldi: “Calenda che attacca Lotti via Twitter è lo stesso Calenda che organizzava cene tra i leader Pd contro le divisioni? Prima voleva ricucire, ora da neo eletto Pd polemizza ogni giorno con un collega di partito diverso. Basta qualche anticipazione di giornale per una condanna?”.

Solo il 13 giugno Zingaretti, che nei primi giorni aveva deciso di tenere una prudenza ben oltre il garantismo, aveva detto che quello che si occupa di nomine “non è il mio Pd“. E ora, come aggiunge Zanda (nominato tesoriere da Zingaretti), “c’è stato un salto per quanto riguarda la gravità di giudizio su questa vicenda”. Il riferimento è alle parole del procuratore generale della Cassazione Riccardo Fuzio – massimo rappresentante dell’accusa – che parlando della vicenda di Lotti ha sottolineato come “la volontà di un imputato” abbia “influenzato la scelta del procuratore” di Roma, proprio quello che dovrà sostenere l’accusa contro di lui nel processo Consip.

Lotti, ha aggiunto Zanda, è “un dirigente di rilievo del Pd” e per questo “deve riflettere attentamente sui prossimi passi da compiere”. Invece “Ferri non è neanche iscritto al Pd: può fare quello che vuole, casomai valutare la sua posizione in commissione Giustizia“. Messaggi in bottiglia che i due parlamentari dovranno cominciare a valutare. Lotti e Ferri, prosegue Zanda, “sono due parlamentari del Pd che hanno una loro vita privata e che autonomamente prendono iniziative. Se si sono occupati di nomine con alcuni togati del Csm, non hanno certo chiesto l’autorizzazione al Pd”.

Un po’ più prudente l’ex segretario Maurizio Martina, ora deputato, che comunque sottolinea, ad Agorà su Rai3, che Lotti “è persona responsabile, sa quello che deve fare”. “Sono convinto – sostiene Martina – che in questa situazione il primo ad essere interessato a difendersi al meglio politicamente dentro quello che stiamo vedendo sarà lo stesso Luca Lotti, valuterà lui i passi che deve fare”. Per il deputato, che recupera le parole della scorsa settimana di Zingaretti, “non si fanno processi sommari (alle persone ndr) ma non si sottovaluta nemmeno questa situazione per quello che sta facendo emergere”. Cioè che con il suo comportamento, con gli incontri notturni in hotel con i 5 consiglieri del Csm, ha contribuito a un caos istituzionale che ha portato alle dimissioni tre togati del Consiglio superiore della magistratura: saranno sostituiti, come ha deciso il presidente della Repubblica Sergio Mattarella, con elezioni suppletive a ottobre. Nel frattempo, l’altro effetto è che tutte le nomine di cui si doveva occupare il Csm (a partire dal nuovo procuratore di Roma successore di Giuseppe Pignatone) resteranno quasi certamente bloccate.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Csm, sul caso Lotti Zingaretti continua a invocare il “garantismo”. M5s: “Silenzio gravissimo e imbarazzante”

prev
Articolo Successivo

Governo Conte, perché penso che non ci saranno elezioni anticipate in autunno

next