Mancato rispetto delle norme igieniche, trattamenti sbagliati dei cibi, in alcuni casi scaduti, e importazioni vietate. Sono solo alcune delle irregolarità evidenziate dai controlli condotti dai Nas dei Carabinieri in tutta Italia su circa 500 locali etnici e depositi di alimenti provenienti dall’estero. Dalle ispezioni è risultato che quasi la metà di questi violano le norme sulla conservazione e l’importazione di cibo vigenti in Italia, con le autorità che sono arrivate a sequestrare 128 tonnellate di alimenti.

Secondo il rapporto delle forze dell’ordine, sono 242 le strutture in cui sono state ravvisate irregolarità, tra cibi scaduti, scongelati e ricongelati, mancato rispetto delle norme igieniche, etichette incomprensibili e importazioni vietate. E l’incidenza è maggiore nel campo della ristorazione, specialmente negli all you can eat: nel 48% dei locali sono state trovate irregolarità. Chiuse o sospese 22 attività, riscontrate 477 violazioni di legge e sequestrate 128 tonnellate di cibo.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Sicilia, il torturatore argentino latitante di lusso vicino a Messina. Il suo avvocato è lo stesso di Licio Gelli

prev
Articolo Successivo

Milano, mezzi pubblici gratis per cani e gatti: per loro niente più biglietto

next