Chi non vorrebbe fare un viaggio in Corea del Nord insieme ad Antonio Razzi? Ora il sogno ora può diventare realtà: a lanciare l’iniziativa è proprio l’ex senatore di Forza Italia, su Twitter: “Cari amici, da molti anni avete chiesto di andare a Pyongyang, eccomi! Dal 15 al 21 settembre”. Razzi, famoso per aver sempre apprezzato il regime nordcoreano, si definisce nell’annuncio un “grande esperto del Paese ed apprezzato dallo stesso Governo di Pyongyang”. L’esperienza si può vivere al modico prezzo di 3.100 euro. E tra i social, c’è chi lancia un avvertimento: “Stai attento Anto’, è na trappola! Secondo me Kim te fa fà la fine der fratello” (ucciso dal regime). Altri, ironizzano: “È già allarme internazionale: Razzi verso la Corea…”.

Nell’invito, l’ex senatore promette che “la sensazione di vivere un viaggio unico e insolito prevale fin da subito non appena l’aereo tocca il suolo a Pyongyang, nel piccolo aeroporto della capitale dove campeggiano ovunque le foto dei Cari Leader: Kim Il-Sung e suo figlio Kim Jong-il”. I due leader, padre e nonno dell’attuale dittatore Kim Jong-un, hanno governato il paese fin dal secondo dopoguerra. Razzi garantisce anche “l’unica sensazione di essere isolati dal mondo in un Paese di miti antichi e moderni senza quasi nemmeno internet”. Più che unica, sarebbe meglio dire inevitabile, visto che nel paese l’uso di internet e si molti cellulari è sostanzialmente proibito.

L’organizzazione, affidata alla LuxItaly Prestige and Exclusivity’s Services, prevede la sistemazione dei viaggiatori in uno spettacolare hotel della capitale nordocoreana: “Situato nel centro della città, la struttura consta di due torri gemelle da 45 piani, alte ciascuna 143 metri e unite da un ponte sito circa al 40° piano”. Trattamento previsto, pernottamento e pensione completa (ma le bevande sono escluse). Il programma? Non proprio dettagliato, almeno al momento, “in quanto le visite ed escursioni potranno subire modifiche”. Quello che invece è certo, sarà l’aspetto celebrativo del viaggio in compagnia dell’ex senatore: tra statue giganti di Kim Il-Sung, monumenti stratosferici, visita alle operose zone rurali e puntate sui luoghi simbolo della storia nordcoreana, il viaggiatore vivrà un’esclusiva full immersion nel mondo dei Cari Leader. E chissà che “l’amico Razzi” non riesca a strappare a Kim Jong-un un minuto da dedicare a quanti lo seguiranno.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Marocco, scopriamolo con un roadtrip in 11 tappe

prev
Articolo Successivo

A Trani c’è un luogo mistico che resiste al turismo di massa

next