Confermata anche in Appello dal Tribunale di Venezia la condanna a 4 anni e 11 mesi nei confronti di Walter Onichini, il commerciante di Legnaro, in provincia di Padova, che sparò a un uomo che si era introdotto nella sua villetta assieme ad altri per un furto, la notte del 22 luglio 2013. L’imputato, che risponde all’accusa di tentato omicidio, aveva poi trasportato il ferito in auto per abbandonarlo a un chilometro circa da casa. Il procuratore generale Giancarlo Buonocore aveva chiesto l’assoluzione dell’imputato, con la derubricazione del reato iniziale a lesioni colpose.

Il Tribunale di Padova aveva condannato in primo grado, a dicembre del 2017, il macellaio di Legnaro alla stessa pena e a un risarcimento di 24.500 euro. In quell’occasione, dopo la pronuncia della sentenza, in aula molti presenti protestarono contro i magistrati e contro la politica, gridando “vergogna”.

Nel luglio 2013, Onichini sparò a un gruppo di ladri che era appena entrato nel suo giardino, ferendo Nelson Ndreaca, 24 anni. Lo caricò in auto e lo lasciò in un campo a più di un chilometro di distanza, dove venne ritrovato solo all’alba da un passante. Dopo quella notte al giovane è stata asportata la milza. Il macellaio ha sempre dichiarato di aver aggredito il ragazzo perché convinto che il gruppo avesse rapito il figlio di 20 mesi.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Voto di scambio, c’è l’interrogazione M5s: Salvini chiede informazioni su inchiesta di Bari ma la Procura le nega: “C’è segreto”

prev
Articolo Successivo

Prato, prima udienza per la prof che ha avuto un figlio col suo studente. Perizia della difesa: “Il ragazzo è inattendibile”

next