La spesa media mensile delle famiglie nel 2018 è stata di 2.571 euro, sostanzialmente invariata rispetto al 2017 (+0,3%) ma in contrazione dello 0,9% se si considera l’inflazione dell’1,2 per cento. È la prima volta dal 2013 che si registra un dato negativo in termini reali: secondo i dati Istat, quindi, si interrompe la moderata dinamica positiva registrata tra il 2014 e il 2017. Le stime dell’Istituto nazionale di statistica fotografano anche come resti ampio il gap territoriale tra il Nord Ovest e le Isole. L’Italia è sostanzialmente spezzata in due: anche se il divario scende sotto il 40 per cento per la prima volta dal 2009, nelle regioni del Settentrione si continuano a spendere circa 800 euro mensili in più. E la forbice si allarga ulteriormente tra la Lombardia (3.020 euro) e la Calabria, dove la spesa è la più contenuta d’Italia e resta sotto i 2000 euro (1.902). 

Imprenditori e dirigenti spedono di più – Le famiglie più  ricche spendono oltre cinque volte di più delle famiglie meno abbienti, anche se la disuguaglianza diminuisce lievemente per la prima volta dal 2013. A spendere di più sono le famiglie la cui persona di riferimento è imprenditore o libero professionista (4.025 euro mensili), seguite da quelle di dirigenti, quadri o impiegati (3.314 euro). I livelli di spesa più bassi si osservano, invece, nelle famiglie caratterizzate da condizioni economiche più precarie, con persona di riferimento in cerca di occupazione (1.793 euro mensili) o inattiva ma non ritirata dal lavoro (1.805 euro). Tra le famiglie a minore spesa, ci sono anche quelle composte da soli stranieri che spendono in media 1.700 euro al mese, 927 euro in meno rispetto a quelle di soli italiani.
Per quanto riguarda le tipologie di famiglie, i livelli di spesa più bassi si registrano per le famiglie di un solo componente con 65 anni e più (1.656 euro mensili) mentre superano i 3 mila euro per le coppie con figli (3.089 euro con un figlio, quasi 300 euro in più con due, poco meno con tre o più).

L’abitazione, la spesa più cara – “La spesa è ancora lontana dai livelli del 2011, 2.640 euro mensili, cui avevano fatto seguito due anni di forte contrazione”, si legge nel rapporto dell’Istat nel quale si specifica che il 50% delle famiglie residenti in Italia ha speso nel 2018 una cifra non superiore a 2.153 euro, invariata rispetto ai 2.154 euro del 2017. Anche la composizione della spesa resta sostanzialmente immutata rispetto all’anno precedente: è ancora l’abitazione ad assorbire la quota più rilevante (35,1% della spesa totale, 903 euro, includendo affitti figurativi per 589 euro, cioè la spesa che le famiglie dovrebbero sostenere per prendere in affitto un’abitazione con caratteristiche identiche a quella in cui vivono). Segue la spesa per prodotti alimentari e bevande analcoliche (18%, 462 euro era 457 euro nel 2017) e quella per trasporti (11,4%, 292 euro).

Cosa c’è nel carrello della spesa e i tagli – Nel carrello della spesa aumenti si registrano per le carni (98 euro mensili, +4% di spesa rispetto all’anno precedente), i pesci e i prodotti ittici (41 euro mensili, +3,4% sul 2017) e per caffè, tè e cacao (15 euro, +5%). Diminuisce invece, con la trasformazione delle abitudini alimentari, la spesa per zucchero, confetture, miele, cioccolato e dolciumi (19 euro mensili, -2,6% sul 2017). Tra le altre tipologie di spesa vengono altri beni e servizi (cura della persona, effetti personali, servizi di assistenza sociale, assicurazioni e servizi finanziari, 7,2%), servizi ricettivi e di ristorazione e beni e servizi ricreativi, spettacoli e cultura (entrambe le voci pari a circa il 5% del totale, approssimativamente 130 euro mensili ciascuna), servizi sanitari e salute (4,7%, 121 euro mensili), abbigliamento e calzature (4,6%, 119 euro mensili). Mobili, articoli e servizi per la casa impegnano invece il 4,2% del totale, con una spesa media di 108 euro. Cala invece in maniera significativa l’impegno per le comunicazioni (pari al 2,4% della spesa totale, 62 euro mensili) rispetto al 2017 (-2,5%), contrariamente a quanto accaduto lo scorso anno (+2,5%).

Si rinuncia all’abbigliamento, non a visite – La spesa per visite mediche e accertamenti periodici, in larga misura “incomprimibile”, è quella sulla quale le famiglie italiane “agiscono meno per provare a limitare l’esborso” mentre i veri tagli è quella per” abbigliamento e calzature”. Nel report, l’Istat rileva infatti che “tra quante un anno prima dell’intervista sostenevano già la spesa per visite mediche e accertamenti periodici, soltanto il 16,1% delle famiglie dichiara infatti di aver speso meno, peraltro con forti differenziazioni territoriali: il 10,1% nel Nord, il 17,9% nel Centro e il 24,1% nel Mezzogiorno. Per contro, il 6,1% delle famiglie dichiara di aver aumentato la spesa sanitaria.

Nel Mezzogiorno più risparmio – Così, mentre sulla voce carburanti il 71,8% lascia invariata la spesa contro un 25,1% che ha invece provato a limitarla, i veri risparmi di spesa delle famiglie italiane ricadono sull’abbigliamento e le calzature. L’Istat riferisce che quasi la metà (48,9%) delle famiglie che acquistavano già questi beni un anno prima dell’intervista ha infatti modificato le proprie abitudini, provando a limitare la spesa. Anche in questo caso l’Istituto rileva forti differenziazioni territoriali: si prova a risparmiare di più nel Mezzogiorno (62,7%) rispetto al Centro (47,6%) e soprattutto al Nord (40,3%). Tagli anche su viaggi e vacanze: il 39,3% delle famiglie che già sostenevano questo tipo di spese ha provato a ridurle, con un massimo del 53,9% nel Mezzogiorno.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Dl Crescita, dopo mediazione Lega-M5s arriva emendamento per salva Roma e salva comuni

next
Articolo Successivo

Pace fiscale, record di cartelle rottamate: pari a 38,2 miliardi di euro. Nel decreto Crescita via libera a riapertura dei termini

next