Dodici giugno, ore 11: il Consiglio regionale sardo attende con ansia la decisione del Tar, che domani si pronuncerà sui primi dei quattordici ricorsi presentati all’indomani delle elezioni regionali del 24 febbraio scorso. L’attenzione è tutta focalizzata su quello sottoscritto da Antonio Gaia e Pierfranco Zanchetta dei Cristiano popolari socialisti insieme con Marzia Cilloccu del Campo Progressista. Se il Tribunale amministrativo lo accettasse, e poi il Consiglio di Stato confermasse, la Lega, primo partito della coalizione di centrodestra uscita vincitrice dalle urne, perderebbe tutti i suoi otto eletti. La volontà popolare non sarebbe più rappresentata e per questo, secondo alcuni, il ritorno a elezioni sarebbe inevitabile.

In questo caso estremo il presidente della Regione Christian Solinasche nel frattempo ricopre anche la carica di senatore e non ha un vice, perché deve essere ancora nominato – potrebbe anche sciogliere l’Assemblea. Tornando al ricorso, i tre contestano l’adesione tecnica di alcuni consiglieri a sette partiti non rappresentati in Aula nella passata legislatura: Lega, Sardegna civica, Fortza Paris, Sardegna in Comune, Futuro Comune, Noi la Sardegna, Energie per l’Italia. Obiettivo, consentirgli di partecipare alle elezioni senza bisogno di raccogliere le firme. L’obiezione dei tre è chiara: i “patrocinatori” si sono comunque presentati con le rispettive forze politiche, non con quelle che hanno cercato di aiutare. Oltre agli otto del Carroccio, se i giudici amministrativi accettassero i ricorsi, dovrebbero lasciare il posto nell’Assemblea Roberto Caredda di Sardegna Civica e Maria Laura Orrù di Sardegna in Comune, Valerio De Giorgi (Fortza Paris), Franco Stara (Futuro comune con Massimo Zedda), Diego Loi (Noi con Massimo Zedda), Antonio Piu (Fututo comune con Massimo Zedda).

Tra domani e il 26 giugno saranno dibattuti altri sette ricorsi con lo stesso oggetto presentati da Edoardo Tocco (Fi), Andrea Tunis (Sardegna 20Venti), Luca Pizzuto (LeU), Pietro Cocco (Pd), Gaetano Ledda (Psd’Az), Maria Paola Curreli (Pd) e da un elettore, Pietro Ciccu. I restanti ricorsi sono focalizzati sulla corretta attribuzione dei seggi a ciascun collegio elettorale. In tutti i casi viene lamentata una sperequazione ai danni dei collegi di Nuoro, Ogliastra e Sulcis. Ricorrenti sono Nello Cappai (Uds) contro Alfonso Marras (Riformatori), Ivan Piras (Fi) sempre contro Marras, Antonio Solinas (Pd) nei confronti di Salvatore Corrias, Gianluigi Piano, Valter Piscedda, Ignazio Manca. Poi, Raimondo Perra (Cristiano popolari socialisti) nei confronti di Franco Stara (Futuro Comune), Sebastiano Cocco (Sardegna in Comune) contro Maria Laura Orrù di Sardegna in Comune.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Ladro ucciso a Ivrea, autopsia: “Tabaccaio ha sparato dall’alto e alle spalle”

prev
Articolo Successivo

Raffaele Marra, procura di Roma chiede condanna a due anni per abuso d’ufficio

next