Immagini girate da un cittadino che mostrano una Fiat Panda che scende giù per la scalinata di Valle Giulia a Villa Borghese, a Roma. L’autore della bravata è stato rintracciato dagli agenti del Gruppo Parioli della Polizia Locale di Roma Capitale. Il Gruppo, ricevuta una segnalazione di un’auto che era stata vista scendere dai gradini della scalinata “Bruno Zevi”, ha avviato le verifiche per accertare i fatti e rintracciare il responsabile. Dopo aver acquisito da un cittadino le immagini video, che immortalavano la scena e ascoltate le testimonianze, gli agenti si sono messi alla ricerca del possibile domicilio, in quanto la residenza del proprietario del veicolo risultava nella zona di Milano. Risaliti all’abitazione della madre, non distante dal luogo dei fatti, il personale ha individuato l’auto, una Fiat Panda, parcheggiata nelle vicinanze, che riportava alcuni danni compatibili con l’azione illecita. Il responsabile è stato intercettato dagli agenti sotto casa dopo alcune ore di appostamento. L’uomo, italiano di 47 anni si trova presso gli uffici della polizia municipale.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ponte Morandi, al via la demolizione delle case di via Porro. E c’è chi rifiuta gli indennizzi: “Inserita clausola-beffa”

next
Articolo Successivo

Torre del Greco, camorra negli appalti pubblici: sette arresti e tre milioni sequestrati

next