Immagini girate da un cittadino che mostrano una Fiat Panda che scende giù per la scalinata di Valle Giulia a Villa Borghese, a Roma. L’autore della bravata è stato rintracciato dagli agenti del Gruppo Parioli della Polizia Locale di Roma Capitale. Il Gruppo, ricevuta una segnalazione di un’auto che era stata vista scendere dai gradini della scalinata “Bruno Zevi”, ha avviato le verifiche per accertare i fatti e rintracciare il responsabile. Dopo aver acquisito da un cittadino le immagini video, che immortalavano la scena e ascoltate le testimonianze, gli agenti si sono messi alla ricerca del possibile domicilio, in quanto la residenza del proprietario del veicolo risultava nella zona di Milano. Risaliti all’abitazione della madre, non distante dal luogo dei fatti, il personale ha individuato l’auto, una Fiat Panda, parcheggiata nelle vicinanze, che riportava alcuni danni compatibili con l’azione illecita. Il responsabile è stato intercettato dagli agenti sotto casa dopo alcune ore di appostamento. L’uomo, italiano di 47 anni si trova presso gli uffici della polizia municipale.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Ponte Morandi, al via la demolizione delle case di via Porro. E c’è chi rifiuta gli indennizzi: “Inserita clausola-beffa”

prev
Articolo Successivo

Torre del Greco, camorra negli appalti pubblici: sette arresti e tre milioni sequestrati

next