Neymar denunciato per stupro da una ragazza brasiliana conosciuta tramite i social. I fatti sarebbero accaduti a Parigi il 15 maggio scorso, ma la donna ha sporto denuncia venerdì scorso una volta tornata nel suo Paese. La donna avrebbe affermato che lei e Neymar si sono conosciuti su Instagram e il campione l’avrebbe poi invitata a Parigi. Dopo una serata il calciatore, ubriaco, l’avrebbe violentata in hotel. L’attaccante del Psg ha rigettato ogni accusa e si è difeso con un lungo video su Instagram. “Sono accusato di stupro, è una parola pesante, una cosa molto forte, ma è quello che sta succedendo in questo momento. Sono rimasto sorpreso. Chi mi conosce sa chi sono e sa che non farei mai una cosa del genere”

“D’ora in poi esporrò tutto, renderò pubblica tutta la conversazione che ho avuto con la ragazza, tutti i nostri momenti, che sono intimi, ma è necessario mostrare tutto per dimostrare che non è successo nulla. Subito dopo questo video vedrete tutti i messaggi, tutto quello che è successo quel giorno e gli altri a seguire. Quello che è successo quel giorno è stato un rapporto tra uomo e donna, entro quattro mura, qualcosa che succede ad ogni coppia. Il giorno dopo non è successo nulla di quello di cui vengo accusato, abbiamo continuato a scambiare messaggi. Mi ha chiesto un ricordo per suo figlio e stavo per prenderlo. Sono rimasto sorpreso da questo. È molto brutto, molto triste, non solo fa male a me ma a tutta la mia famiglia”. Al termine delle parole di Neymar il video prosegue con 3 minuti di immagini delle conversazioni private tra il brasiliano e la donna che lo accusa.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Venezia, il battello danneggiato dopo l’impatto con la nave da crociera: l’intervento dei vigili del fuoco

next
Articolo Successivo

Roma, deraglia tram della linea 2: paura ma nessun ferito a pochi passi dal centro

next