Neymar denunciato per stupro da una ragazza brasiliana conosciuta tramite i social. I fatti sarebbero accaduti a Parigi il 15 maggio scorso, ma la donna ha sporto denuncia venerdì scorso una volta tornata nel suo Paese. La donna avrebbe affermato che lei e Neymar si sono conosciuti su Instagram e il campione l’avrebbe poi invitata a Parigi. Dopo una serata il calciatore, ubriaco, l’avrebbe violentata in hotel. L’attaccante del Psg ha rigettato ogni accusa e si è difeso con un lungo video su Instagram. “Sono accusato di stupro, è una parola pesante, una cosa molto forte, ma è quello che sta succedendo in questo momento. Sono rimasto sorpreso. Chi mi conosce sa chi sono e sa che non farei mai una cosa del genere”

“D’ora in poi esporrò tutto, renderò pubblica tutta la conversazione che ho avuto con la ragazza, tutti i nostri momenti, che sono intimi, ma è necessario mostrare tutto per dimostrare che non è successo nulla. Subito dopo questo video vedrete tutti i messaggi, tutto quello che è successo quel giorno e gli altri a seguire. Quello che è successo quel giorno è stato un rapporto tra uomo e donna, entro quattro mura, qualcosa che succede ad ogni coppia. Il giorno dopo non è successo nulla di quello di cui vengo accusato, abbiamo continuato a scambiare messaggi. Mi ha chiesto un ricordo per suo figlio e stavo per prenderlo. Sono rimasto sorpreso da questo. È molto brutto, molto triste, non solo fa male a me ma a tutta la mia famiglia”. Al termine delle parole di Neymar il video prosegue con 3 minuti di immagini delle conversazioni private tra il brasiliano e la donna che lo accusa.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Venezia, il battello danneggiato dopo l’impatto con la nave da crociera: l’intervento dei vigili del fuoco

prev
Articolo Successivo

Roma, deraglia tram della linea 2: paura ma nessun ferito a pochi passi dal centro

next