“Basta con i pregiudizi, i disabili devono mettersi in gioco, per essere protagonisti e non più solo spettatori”. Silvano Stefanoni, non vedente e neoeletto sindaco di Lierna, in provincia di Lecco, ha obiettivi chiari per velocizzare il processo d’integrazione delle persone disabili nella società. Non è la prima volta che una persona non vedente viene eletta Sindaco di un Comune italiano, ma si tratta comunque di un caso raro. Lui, 58enne, con la sua lista “Noi per Lierna” ha vinto con 507 voti nel piccolo Comune del lecchese che conta circa 2mila abitanti. “È stata un’emozione incredibile – commenta a Ilfattoquotidiano.it – perché i miei concittadini, dandomi fiducia, hanno guardato al mio operato d’amministratore degli ultimi dieci anni e non alla mia disabilità visiva. Basta pregiudizi, dobbiamo valorizzare le risorse umane”.

Il nuovo primo cittadino, già vice-sindaco uscente e assessore del comune lecchese, alla guida di una lista civica appoggiata dalla Lega, dedica il successo alla moglie Paola. “Ho costruito una squadra elettorale fondata sul rispetto verso tutti e su questa strada intendiamo proseguire. Stiamo vivendo un momento storico più sensibile all’ascolto delle diversità: per fortuna la cultura del costo sociale della disabilità, dei pregiudizi e degli stereotipi sta lasciando il posto a quella della valorizzazione della risorsa umana, in grado di offrire sempre più possibilità d’esprimere una cittadinanza attiva a tutti, senza discriminazioni. Credo in particolare nei  giovani – aggiunge Stefanoni – che se educati a convivere e dialogare con i coetanei con diverse condizioni di vita da piccoli, meglio riescono a rendere naturali quei concetti di inclusione universale e fruibilità degli spazi”.

Impegnato nel sociale e difensore dei diritti per le persone con disabilità, negli anni ha incoraggiato sul territorio liernese diverse manifestazioni coinvolgendo le associazioni di volontariato locali. Stefanoni sostiene il passaggio da una solidarietà della comprensione e dell’assistenzialismo a quella del rispetto della persona e della lungimiranza nel saper vedere in ogni individuo le sue potenzialità, offrendogli però, con strumenti adeguati, la possibilità di dare il proprio contributo attivo alla comunità. Secondo il nuovo primo cittadino di Lierna, “i disabili devono mettersi in gioco, per essere protagonisti e non più solo spettatori nel lento, ma costante, processo di inclusione nella società.  Spesso, erroneamente, si giudica il mondo della disabilità molto lontano da ciascuno di noi e invece per centinaia di migliaia di persone è un aspetto assai vicino. L’invisibile e sconosciuto suscitano sempre timori e paure. Al contrario, ciò che si conosce riesce a raccogliere stima e giudizi favorevoli”.

Oltre alle difficoltà derivanti dall’amministrazione di un Comune, seppur piccolo, Stefanoni dovrà anche affrontare degli ostacoli di tipo tecnico per svolgere correttamente e a pieno il proprio compito di primo cittadino. “Le problematiche sono molteplici e ovviamente non tutte legate alla disabilità. La prima e principale è comunque quella di far comprendere che non ci vedi, ma sei in grado d’ascoltare, capire e decidere. La seconda difficoltà, di tipo pratico, è quella legata all’accessibilità dei siti e dei documenti della pubblica amministrazione. Nonostante la legge Stanca (che favorisce l’accesso dei disabili agli strumenti informatici, ndr)  sia in vigore dal 2004, spesso le amministrazioni e i fornitori di servizi non la rispettano e, di conseguenza, le successive richieste di modifica dei software hanno costi aggiuntivi e tempi di realizzazione a lungo termine”.

Il primo cittadino dice di voler far rispettare le normative sull’abbattimento delle barriere architettoniche negli edifici in costruzione e nei quartieri in riqualificazione e prestare particolare attenzione anche sugli edifici in ristrutturazione. “Il contributo sociale di chi vive una condizione di disabilità, spesso più avvezzo alla resilienza, al dialogo empatico ed  a una maggiore concentrazione nello svolgimento del proprio compito – conclude Stefanoni -, favorisce giorno dopo giorno la crescita di una società più umana, più equa e più a misura di tutti”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sla, Palumbo vittima di una truffa: l’ok alla cure in Israele era un falso. “Infranto il sogno di un 21enne che sta morendo”

next
Articolo Successivo

Ius Soli, il ballerino-attivista Olumati: “Non c’entra nulla con immigrazione, noi nati qui. Governo? Può essere opportunità”

next