Un anno dopo la delusione col Real è a Madrid che Jurgen Klopp rompe la maledizione. E dopo sei finali perse, vince la settima, la più importante: il suo il Liverpool vince Champions League superando 2-0 nel derby tutto inglese il Tottenham. Al Wanda Metropolitano di Madrid i ‘reds’ passano in vantaggio al 2′ grazie a un rigore realizzato da Mohamed Salah, all’87′ il raddoppio di Divock Origi. Per i reds è la sesta coppa: meglio hanno fatto solo Milan (7) e Real Madrid (13).

Dopo una manciata di secondi dal fischio di inizio svolta nella partita, l’arbitro sloveno Damir Skomina assegna un calcio di rigore al Liverpool per un fallo di mano in area di Sissoko su conclusione ravvicinata di Mané. Il controllo al Var conferma la bontà della decisione arbitrale. Dagli 11 metri si presenta Mohamed Salah, l’ex giallorosso tira forte e centrale beffando Lloris, dopo neanche 2 minuti i ‘reds’ sono già in vantaggio. 

La squadra di Pochettino accusa il colpo, al 9′ è Sissoko a tentare la conclusione da fuori area, la sfera è alta sopra la traversa. Il Liverpool si fa vedere in avanti con un tracciante del terzino Alexander-Arnold dalla lunga distanza che termina a lato non di molto. Ci prova anche Salah murato al momento del tiro. Traversone di Robertson per Salah appostato sul secondo palo, l’egiziano viene anticipato all’ultimo da Rose. Al 33′ palla interessante per Dele Alli che entra in area e cerca il tunnel ma Matip si rifugia in angolo. Sull’altro fronte una conclusione potente di Robertson dal limite costringe Lloris ad alzare la sfera sopra la traversa. Nel finale di tempo contropiede del Tottenham 3 contro 3. Al momento del passaggio Dele Alli sbaglia. Nel recupero Eriksen di sinistro ha la palla buona ma spreca calciando in tribuna. 

La ripresa comincia con un Tottenham che prova a schiacciare il Liverpool nella sua metà campo ma sono i reds a rendersi pericolosi, cross preciso di Robertson per Mané che viene anticipato dal portiere in uscita bassa. Per gli ‘spurs’ occasione per Dele Alli, il tiro da posizione favorevole viene murato da un difensore. doppio cambio per Klopp che richiama in panchina Firmino, dentro Origi. Esce anche Wijnaldum per Milner. Le contromosse di Pochettino: fuori Winks per Lucas Moura il protagonista della vittoria contro l’Ajax.

Al 68′ occasione Liverpool: Sané da centrocampo si invola in area e lascia la palla a Salah che serve col contagiri Milner il cui tiro esce sfiorando la base del palo difeso da Lloris. Non si arrende il Tottenham, tiro a giro di Dele Alli destinato all’incrocio dei pali con Alisson che non si fa sorprendere. Per gli ‘spurs’ un nuovo cambio: Dier prende il posto di Sissoko. Le due squadre si allungano e le occasioni per le ripartenze del Liverpool aumentano. Colpo di testa di Dele Alli, palla a lato. Poco dopo doppia occasione per il Tottenham, Alisson respinge un siluro da fuori di Son e sul proseguo dell’azione in presa bassa neutralizza un tiro di Lucas Moura.

Alla ricerca del gol del pareggio entra anche Llorente per uno stanchissimo Dele Alli. All’84′ punizione dal limite per gli ‘spurs’, Eriksen con un tiro a giro impegna Alisson che in tuffo si salva in angolo. Balla la retroguardia del Liverpool: Son da due passi non inquadra la porta ma il gioco era fermo. All’87′ Divock Origi mette in ghiaccio il risultato, servito da Van Dijk controlla e infila con un diagonale imprendibile Lloris. Ci provano con la forza della disperazione Son e Kane ma Alisson chiude la saracinesca. Dopo 5′ di recupero mani al cielo per la squadra di Klopp, il Liverpool vince la sua sesta Champions League.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Champions, dopo 6 anni una finale senza Messi o Ronaldo: Liverpool-Tottenham tra suggestioni e sicurezza monstre

next