Usa l’arma delle tasse sulle importazioni per costringere il Messico a fermare il flusso di immigrati verso gli Stati UnitiDonald Trump annuncia a sorpresa che a partire dal 10 giugno saranno imposti dazi del 5% sul Made in Messico importato negli Usa: le tariffe – avverte il presidente Usa – “saliranno gradualmente” fino a raggiungere il 25% in ottobre se il Messico non agirà per risolvere bloccare il flusso di immigrati illegali. Dal 5% di giugno i dazi saliranno al 10% in luglio, al 15% in agosto, al 20% in settembre e al 25% in ottobre. Una decisione che fa aprire in pesante calo le Borse europee, con gli investitori temono l’apertura di un nuovo fronte di tensione dopo quello con la Cina. Avviano la seduta in rosso Francoforte (-1,34%), Madrid (-1,12%) Parigi (-0,96%), Londra (-0,89%).

“Resteranno permanentemente al 25% fino a che e a meno che il Messico non fermerà il flusso di immigrati” e aiuterà a risolvere la crisi al confine fra i due paesi, spiega Trump. L’annuncio arriva come una doccia fredda sul Messico: “Non sapevamo, non era atteso” dice il vice ministro messicano per il Nord America, Jesus Seade. “Non vogliamo una guerra commerciale con gli Stati Uniti” aggiunge Seade, precisando che non ci saranno ritorsioni “fino a quando” la misura non sarà stata attentamente esaminata. L’annuncio del presidente americano ha come effetto immediato quello di far crollare il peso messicano, che arriva a perdere fino al 2,3%.

I ‘dazi sull’immigrazione’ sono un tema completamente separato da quello commerciale, spiega il capo dello staffa ad interim della Casa Bianca, Mick Mulvaney, mettendo in evidenza che il Congresso era stato informato in precedenza. “Ci auguriamo di non arrivare al 25%” aggiunge. L’affondo di Trump rischia comunque di complicare il braccio di ferro avviato con il Congresso sull’accordo di libero scambio con il Canada e il Messico, il Nafta 2.0. La Casa Bianca ha forzato la mano e avviato la procedura per l’approvazione nonostante lo scetticismo dei deputati democratici. L’amministrazione ha inviato infatti una lettera ai leader del Congresso, il cosiddetto Statement of Administrative Action che consente alla Casa Bianca di inviare al Congresso l’accordo commerciale entro 30 giorni. Trump punta all’approvazione dell’accordo entro l’estate ma il Congresso sta temporeggiando. E i dazi annunciati sull’immigrazione, tema già controverso e di scontro con i democratici, rischia di complicare la partita.

Intanto è fallito il tentativo dell’amministrazione di iniziare i lavori di costruzione del muro al confine con il Messico a El Paso, in Texas, e a Yuma, in Arizona. Il giudice federale Haywood Gilliam ha respinto la richiesta dell’amministrazione Trump di sospendere l’ordine che vieta alla Casa Bianca di trasferire fondi dal Dipartimento della Difesa per avviare la costruzione del muro nelle due aree identificate. Gilliam la scorsa settimana ha emesso un’ingiunzione preliminare per bloccare il trasferimento dei fondi da usare per i lavori.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

TRUMP POWER

di Furio Colombo 12€ Acquista
Articolo Precedente

Corea del Nord, “Kim Jong-un epura ‘responsabili’ fallimento del summit di Hanoi con Usa: ucciso capo negoziatore”

next