Marco De Benedetti, imprenditore e presidente del Gruppo Editoriale Gedi, editore tra gli altri di Repubblica, L’Espresso e La Stampa, ha evitato il pignoramento del proprio yacht “Sirahmy” che martedì ha rischiato di finire all’asta a causa del mancato pagamento dei lavori di manutenzione invernali. Appena 15 minuti prima dell’apertura dell’udienza per la conferma del sequestro, l’imprenditore ha saldato il debito da 670mila euro contratto con i cantieri Nca di Carrara, dove il natante è bloccato dal 2 maggio. 

L’azienda ha effettuato sull’imbarcazione, generalmente utilizzata da De Benedetti per le vacanze estive, i lavori di manutenzione e rimessaggio per la stagione invernale per un costo totale di 615mila euro. L’imprenditore, nonostante i vari solleciti dei vertici dei cantieri, non aveva effettuato il pagamento, tanto che Nca ha iniziato le pratiche per il pignoramento del mezzo. Pratiche che sono andate avanti fino a martedì, quando, poco prima dell’entrata in aula, De Benedetti ha inviato i soldi con tanto di interessi. “Nca ha ricevuto sul suo conto l’intera somma dovuta appena un quarto d’ora prima che entrassimo nell’aula del tribunale civile di Massa dove era fissata l’udienza per la conferma del sequestro”, spiega il legale di Nca, l’avvocato Tommaso Bertuccelli, che ha ritirato la causa. In questo modo, è stata evitata la vendita all’asta dello yacht, passaggio successivo previsto nell’azione legale di Nca.

Sirahmy è ancora nei cantieri Nca perché De Benedetti avrebbe commissionato altri lavori di manutenzione agli stessi cantieri Nca.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Cannabis light, Vasco Rossi contro la decisione della Cassazione: “Vietarla è una vergogna”

next
Articolo Successivo

Detenuto picchiato, gip di Piacenza respinge archiviazione per due agenti e chiede imputazione coatta

next