Una classifica delle ragazze giudicate più carine dal titolo “Figadvisor, dalla più alla meno bombabile”. Tutto scritto su un foglio poi consegnato alle dirette interessate con tanto di voto. Ma l’episodio avvenuto al Liceo classico Carducci di Bolzano ha suscitato l’indignazione delle ragazze che hanno affisso una lettera alla porta del preside e delle classi. “La nostra essenza — si legge nella nota riportata dal Corriere del Veneto — viene annullata in un singolo numero, veniamo valutate con giudizi pesanti in base all’estetica e a quanto siamo curate quel giorno. Ogni difetto diventa motivo di scherno ma quello che ci chiediamo è chi siano i nostri compagni per permettersi di giudicarci in questo modo? Siamo stufe di questo atteggiamento e chiediamo si avvii una riflessione”.

La lettera è stata scritta dopo un confronto col preside, Andrea Pedevilla, che ha convocato i ragazzi “autori” della classifica per “risolvere in fretta la situazione e fare in modo che questo tema si parlasse nelle classi: cosa poi avvenuta”. Per il preside “diventa sempre più necessario affrontare il tema di come ci si rivolge e si parla al mondo femminile –  ha detto al Corriere del Veneto -. Tutto questo è stato fatto e i ragazzi si sono subito scusati con me e con le dirette interessate”. Pedevilla ha spiegato che già in serata il caso era chiuso, “e sono state le stesse studentesse ad accettare le scuse rimanendo soddisfatte di poterne parlare in aula”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Cara sindaca Raggi, il Piano rom è un fallimento. Sei ancora in tempo per chiedere scusa

prev
Articolo Successivo

Sla, Palumbo vittima di una truffa: l’ok alla cure in Israele era un falso. “Infranto il sogno di un 21enne che sta morendo”

next