Una classifica delle ragazze giudicate più carine dal titolo “Figadvisor, dalla più alla meno bombabile”. Tutto scritto su un foglio poi consegnato alle dirette interessate con tanto di voto. Ma l’episodio avvenuto al Liceo classico Carducci di Bolzano ha suscitato l’indignazione delle ragazze che hanno affisso una lettera alla porta del preside e delle classi. “La nostra essenza — si legge nella nota riportata dal Corriere del Veneto — viene annullata in un singolo numero, veniamo valutate con giudizi pesanti in base all’estetica e a quanto siamo curate quel giorno. Ogni difetto diventa motivo di scherno ma quello che ci chiediamo è chi siano i nostri compagni per permettersi di giudicarci in questo modo? Siamo stufe di questo atteggiamento e chiediamo si avvii una riflessione”.

La lettera è stata scritta dopo un confronto col preside, Andrea Pedevilla, che ha convocato i ragazzi “autori” della classifica per “risolvere in fretta la situazione e fare in modo che questo tema si parlasse nelle classi: cosa poi avvenuta”. Per il preside “diventa sempre più necessario affrontare il tema di come ci si rivolge e si parla al mondo femminile –  ha detto al Corriere del Veneto -. Tutto questo è stato fatto e i ragazzi si sono subito scusati con me e con le dirette interessate”. Pedevilla ha spiegato che già in serata il caso era chiuso, “e sono state le stesse studentesse ad accettare le scuse rimanendo soddisfatte di poterne parlare in aula”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Cara sindaca Raggi, il Piano rom è un fallimento. Sei ancora in tempo per chiedere scusa

next
Articolo Successivo

Sla, Palumbo vittima di una truffa: l’ok alla cure in Israele era un falso. “Infranto il sogno di un 21enne che sta morendo”

next